Studio EY: più soldi per i regali di Natale che mai

I prezzi elevati dell'energia e l'inflazione non impediscono agli svizzeri di spendere più soldi che mai per i regali di Natale quest'anno, come dimostra un nuovo studio di EY.

L'aumento dei prezzi dell'energia e dell'inflazione non sembra avere un impatto diretto sulla spesa dei consumatori svizzeri per i regali di Natale. Questo è il risultato di un nuovo studio della società di revisione e consulenza EY in Svizzera. Lo studio si basa su un sondaggio rappresentativo di oltre 400 consumatori adulti in Svizzera, condotto alla fine di novembre 2022. Il periodo di indagine copre anche il Black Friday e il Cyber Monday.

Secondo il sondaggio, i budget menzionati raggiungono addirittura un nuovo massimo: gli intervistati intendono spendere in media 343 franchi svizzeri. Si tratta di un aumento del 3% rispetto al valore record raggiunto l'anno precedente (2021: 334 franchi svizzeri). L'aspetto notevole è che questo aumento è dovuto principalmente agli uomini intervistati. Con 375 franchi, intendono spendere molto di più per i regali rispetto all'anno scorso (2021: 351 franchi). Nel frattempo, le donne intendono spendere 309 franchi in meno rispetto allo scorso anno (2021: 320 franchi).

Più di 250 franchi per i regali

Tuttavia, le cifre citate si riflettono solo in parte quando si chiede ai consumatori quali siano le loro intenzioni: La maggioranza del 62% vuole ridurre la spesa - il 41% di loro "leggermente" e il 21% addirittura "significativamente". Il restante 38% non intende modificare il proprio comportamento di consumo, almeno per questo Natale.

Il 53% degli intervistati (anno precedente: 50%) prevede un budget superiore a 250 franchi svizzeri per gli acquisti natalizi di quest'anno; uno su cinque prevede addirittura un budget per i regali superiore a 500 franchi svizzeri. Secondo l'ultimo sondaggio di EY, solo il 15% sta pianificando piccoli budget natalizi fino a 100 franchi. Uno sguardo dettagliato ai budget natalizi mostra che il 18% dei consumatori svizzeri intervistati prevede di spendere tra 301 e 500 franchi svizzeri. In ogni caso, il 16% vuole spendere tra 251 e 300 franchi e tra 101 e 200 franchi. Solo il 6% spenderà meno di 50 franchi per i regali di Natale e il 5% prevede di spendere più di 1.000 franchi.

Buoni regalo e denaro

La categoria di regali più frequentemente menzionata quest'anno è "buoni regalo e denaro" con il 41% (2021: 32%). Sostituiscono i primi classificati dell'anno scorso, che hanno entrambi subito un calo di popolarità molto significativo: "abbigliamento" passa dal 41% dell'anno scorso al 29% di quest'anno e "cosmetici" sono ancora menzionati dal 22% di quest'anno (2021: 41%). Tra i top spender nominati per questo Natale continuano a figurare i "giocattoli" (38%), i "prodotti alimentari e dolciari" (34%), i "libri stampati" (33%), oltre a "partecipazione a eventi" (19%) e "gioielli" (17%). Quest'anno i consumatori svizzeri investono di gran lunga le somme più alte in "buoni regalo": con una media di 62 franchi, vogliono spendere 13 franchi in più rispetto ai "giocattoli" e addirittura il doppio rispetto all'"abbigliamento".

Circa il 60% dei consumatori svizzeri afferma che quest'anno gli aspetti legati alla sostenibilità svolgono un ruolo secondario nel fare i regali e nel festeggiare il Natale (anno precedente: 75%), e per il 12% dei consumatori svolgono addirittura un ruolo importante secondo le loro stesse dichiarazioni (anno precedente: 24%). Le donne considerano gli aspetti della sostenibilità molto più spesso degli uomini: per il 65% delle donne la sostenibilità ha un ruolo importante, per gli uomini è il 53%. Per quanto riguarda i luoghi e i tipi di acquisti, lo shopping online via Internet continua il suo percorso di successo. Mentre l'anno scorso ci si aspettava una quota di mercato del 33%, quest'anno la quota è del 38%.

Altri articoli sull'argomento