Studio Gfk: i consumatori sono fiduciosi nonostante le conseguenze della pandemia

Rispetto a maggio, gli svizzeri hanno meno paura del futuro e il loro comportamento di consumo sta diventando più responsabile e attento alla qualità. Questo secondo un recente studio dell'istituto di ricerche di mercato GfK Svizzera.

 

Dall'aprile 2020, GfK Svizzera ha continuamente sondato i consumatori, dai 16 ai 74 anni, sulle loro maggiori preoccupazioni, anche ora a settembre. Secondo gli studi di GfK, molti degli effetti sul comportamento dei consumatori innescati dalla pandemia possono essere attribuiti ai cambiamenti nei bisogni, nelle aspettative e nelle speranze dei consumatori. Questi includono, per esempio, l'importanza di essere "a casa" e un consumo più consapevole e responsabile.

Un terzo degli svizzeri intervistati è attualmente piuttosto preoccupato o molto preoccupato per il proprio futuro economico. Tuttavia, questo è significativamente inferiore a maggio, quando era ancora il 44%. La stragrande maggioranza degli svizzeri è abbastanza ottimista sulla propria situazione lavorativa, ma circa un quinto è ancora preoccupato che la propria situazione lavorativa possa essere influenzata negativamente (ad esempio sotto forma di un licenziamento). Soprattutto gli under 30 e gli svizzeri di lingua francese sono più preoccupati. Tuttavia, la maggioranza degli svizzeri è abbastanza fiduciosa che la loro situazione economica sarà migliore tra 12 mesi rispetto a quella attuale.

Ritorno alla normalità nella vita quotidiana e nel lavoro

Molti consumatori continuano ad essere molto cauti, evitando i viaggi in aereo, per esempio, ma anche in una certa misura le visite ai ristoranti o ai centri fitness. Lavorare da casa continua ad essere un problema. Secondo i sondaggi di GfK, poco meno del 35% dei professionisti con un'opzione di base di home office ha dichiarato che attualmente lavora esclusivamente o principalmente da casa. Il 26% si aspetta di lavorare per lo più o anche solo dal proprio ufficio a casa anche dopo che la pandemia si sarà placata. Tuttavia, solo il 3% dei professionisti intervistati prevede di lavorare esclusivamente da casa. La maggioranza, cioè più dell'80% dei professionisti è soddisfatta della sua attuale situazione lavorativa, indipendentemente dal fatto che lavori esclusivamente o prevalentemente in casa o in ufficio.

Cambiamento nel catering del pranzo

Gli attuali studi di GfK mostrano che il passaggio all'home office ha portato a un cambiamento nelle abitudini alimentari a tavola. Due terzi (66%) delle persone che lavorano consumano un pranzo preparato al momento e cucinato a casa almeno una volta alla settimana. Il 16% pranza addirittura ogni giorno durante la settimana lavorativa. Spesso, tuttavia, le persone mangiano semplicemente cibo riscaldato, avanzi o un pranzo freddo come insalata o panini a casa. I servizi di consegna o il take-away sono raramente utilizzati per il pranzo a casa. Sul posto di lavoro, il cibo portato da casa viene consumato più spesso, e il take-away viene consumato solo occasionalmente.Il 18% dei dipendenti mangia in una mensa almeno una volta alla settimana, il 31% in un ristorante almeno una volta alla settimana.

Comportamento di consumo responsabile 

La consapevolezza della salute sostenibile non si riflette solo nei cambiamenti delle abitudini alimentari, ma anche nel consumo. Anja Reimer, esperta di consumer intelligence, osserva: "È anche eccitante che più della metà degli svizzeri voglia comprare di più dai piccoli fornitori e dai produttori locali in futuro. Quindi lo shopping responsabile è un argomento di grande importanza". Anche in vista dell'imminente campagna di vendite del Black Friday, poco meno del 20% degli svizzeri intervistati afferma che non approfitterà deliberatamente delle offerte del Black Friday. Anche qui, lo sforzo di consumare in modo responsabile è evidente, soprattutto tra i consumatori più anziani. Il 33% degli intervistati dice che preferisce possedere meno oggetti ma di qualità superiore, soprattutto abbigliamento e tecnologia.

(Visitato 193 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento