Certe abitudini di consumo rimarranno anche dopo Corona

Uno studio di GfK ha indagato come la pandemia ha cambiato le abitudini di consumo della popolazione. I risultati mostrano che i nuovi bisogni continueranno a influenzare le abitudini di consumo della popolazione svizzera. Tuttavia, alcuni fenomeni stanno già rallentando.

Dall'aprile 2020, GfK Svizzera ha condotto un sondaggio continuo tra i consumatori dai 16 ai 74 anni sulle loro maggiori preoccupazioni. GfK sta osservando un ritorno di argomenti che erano già molto rilevanti prima della pandemia - il cambiamento climatico e l'inquinamento ambientale sono attualmente più centrali della pandemia.

Tuttavia, la questione di una pandemia è ancora in cima alla lista delle maggiori preoccupazioni, soprattutto tra gli over 60.

Conseguenze economiche della pandemia

La grande maggioranza degli svizzeri dai 30 anni in su è ora un po' più rassicurata sulle conseguenze economiche della pandemia di corona. Sono di nuovo più ottimisti sulla loro situazione occupazionale rispetto agli ultimi mesi, ma circa un quinto è ancora preoccupato che la loro situazione occupazionale possa essere influenzata negativamente, per esempio sotto forma di licenziamento. I giovani fino a 29 anni, in particolare, sono ancora preoccupati per il loro futuro finanziario.

La convenienza rimane, l'esperienza fisica diventa di nuovo più importante

La vita dei consumatori non è cambiata molto dal primo blocco, ma è cambiata da prima della pandemia. Temi come la "semplificazione" rimangono importanti.

Tuttavia, il desiderio di esperienze sta lentamente tornando tra i consumatori - portando a dinamiche in entrambe le direzioni. Per quanto riguarda la semplificazione o la convenienza, si può vedere che circa due terzi dei consumatori intervistati dicono di aver fatto acquisti online nell'ultima settimana. Un terzo di tutti gli intervistati vuole usare la consegna a domicilio ancora più intensamente in futuro, il che sembra manifestare dinamiche in corso che continueranno a sfidare il retail e la logistica.

Anche i fornitori di media digitali on-demand come Netflix o Spotify hanno guadagnato fortemente dalla pandemia e hanno consolidato ulteriormente la loro posizione. Anche qui, c'è un bisogno di individualità e di esperienze su misura, che è stato ulteriormente accelerato dalla pandemia.

"Ma ciò che è eccitante è anche il lato opposto, l'esperienza fisica sta diventando di nuovo più importante: stiamo scoprendo che i consumatori sono meno propensi a dire che vogliono andare nei negozi brick-and-mortar in futuro", ha detto Michel Rahm, esperto di intelligence dei consumatori. "Mentre recentemente questa cifra era di circa un terzo, ora solo un consumatore su quattro dice questo - gli intervistati vogliono uscire di nuovo, vogliono partecipare di nuovo alla vita".

Segni positivi per la prossima estate

I consumatori sono generalmente relativamente fiduciosi - o desiderano un cambiamento di scenario e stanno già pianificando le loro vacanze per l'estate.

Solo uno su cinque esclude categoricamente una vacanza, mentre circa l'80% ha già in programma qualcosa o la sta ancora considerando. Si nota che la distanza della destinazione delle vacanze è destinata ad aumentare ancora un po'.

Il 36% degli intervistati rimane in Svizzera, ma circa lo stesso numero progetta vacanze all'estero. Colpisce il fatto che più della metà di coloro che viaggiano all'estero hanno intenzione di andare in vacanza in auto o in treno. Solo un intervistato su dieci vuole prendere un aereo in Europa, e solo una persona su venti è entusiasta delle vacanze all'estero.

Disponibilità alla vaccinazione degli intervistati

I prerequisiti per le vacanze all'estero sarebbero il rilassamento, come quello che si potrebbe ottenere con la vaccinazione. A maggio, la GfK ha intervistato per la prima volta la popolazione svizzera sulla sua disponibilità a farsi vaccinare. Più del 70% vuole essere vaccinato contro Corona. Solo il 16% circa degli intervistati ha detto esplicitamente che non si sarebbe vaccinato.

Più di un quarto degli intervistati ha già ricevuto una o due iniezioni, e un altro terzo ha già preso appuntamenti o almeno si è già registrato.


Per il Lo studio "GfK Consumer Life Trends" è stato rn sondaggi online rappresentativi sul comportamento, gli atteggiamenti e i valori dei consumatori sono stati condotti prima, durante e dopo il primo e il secondo blocco (parziale) nella Svizzera tedesca e francese.

(Visitato 344 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento