Come la sostenibilità influenzerà il marketing del futuro

La sostenibilità è un tema chiave che sta acquisendo importanza nel marketing e i clienti guardano sempre più alle sue diverse sfaccettature quando prendono decisioni di acquisto.

Nachhaltigkeit
Foto: unsplash.com/Aaron Blanco

La sostenibilità nel marketing è una tendenza sociale importante non solo da quando è nato il movimento "Fridays for Future", che si riflette anche nel marketing. In questo contesto, il comportamento sostenibile si riferisce a molto più delle classiche questioni ambientali, ma include anche il comportamento sociale e le pratiche di governance.

Da un lato, si tratta di una produzione equa di prodotti con materiali ecologici, di catene di approvvigionamento trasparenti, ma anche di imballaggi riutilizzabili e di processi di restituzione responsabili nel senso di un'economia circolare. Sei clienti su dieci dichiarano di prestare attenzione ai criteri ambientali e sociali nella scelta dei prodotti. Il 45% evita ingredienti dannosi per l'ambiente e il 41% dei clienti è favorevole a evitare la CO2 da parte delle aziende. Allo stesso tempo, il 68% dei clienti sarebbe disposto a pagare di più per un prodotto che dimostra di non danneggiare l'ambiente. Tra l'altro, questo dato si applica più spesso della media ai gruppi di acquirenti di età compresa tra i 18 e i 39 anni.

In breve: oggi nessun produttore, nessun rivenditore, nessun marchio può evitare il tema della sostenibilità, come spiega l'agenzia Smarketer. L'agenzia, che è uno dei partner più importanti di Google e Microsoft in Europa, ha pubblicato una guida completa sul tema "Sostenibilità nell'e-commerce e nel marketing online". In esso, l'azienda digitale condivide la propria esperienza e il proprio know-how completo con le aziende che cercano il modo giusto per fare del bene e utilizzare il proprio impegno per il marketing.

Il marketing della sostenibilità richiede onestà e trasparenza

È essenziale che i marchi facciano sul serio in materia di sostenibilità. Niente è più dannoso per un marchio nel lungo periodo del greenwashing, ovvero l'enfasi trasparente e disonesta sull'ovvio o il nascondersi dietro frasi pubblicitarie ecologiche. "Le aziende dovrebbero fissare obiettivi ambiziosi e presentare i progressi in modo trasparente e onesto. Si tratta di coinvolgere i clienti e di condividere una prospettiva comune", spiega Eric Hinzpeter, esperto di content marketing di Smarketer.

Eric Hinzpeter, esperto di content marketing di Smarketer.

 

Ciò che i produttori e i proprietari di marchi possono fare concretamente per una maggiore sostenibilità dipende fortemente dal loro portafoglio prodotti e dal settore. Mentre il Supply Chain Act fornisce già alcune linee guida sulla trasparenza nella produzione e nella selezione dei materiali, la sostenibilità può essere dimostrata nel trasporto e nell'imballaggio attraverso l'uso di materiali ecologici e di sistemi riutilizzabili. Anche nel commercio elettronico, ovvero per quanto riguarda l'informatica verde e il web design sostenibile, è possibile risparmiare risorse, ad esempio grazie a contenuti mobile first e a risoluzioni ridotte per le immagini in movimento, e includere meglio i gruppi target nel quadro dell'accessibilità.

Rendere i prodotti sostenibili reperibili in modo mirato

Ma la sostenibilità è soprattutto una questione di comunicazione. I consumatori prendono sempre più spesso le loro decisioni di acquisto (anche) in base a tali criteri. "Sempre più rivenditori online e aziende di marca mettono a disposizione dichiarazioni di missione e rapporti di sostenibilità, fornendo informazioni sui materiali utilizzati e facilitando la ricerca di prodotti particolarmente sostenibili", afferma Hinzpeter. L'esperto di marketing consiglia inoltre alle aziende di fornire in modo trasparente i dettagli relativi alla restituzione, alla riparazione, allo smaltimento e al riciclaggio, soprattutto nell'e-commerce, e di fare riferimento ai sigilli e alle partnership corrispondenti in questo contesto, poiché i clienti sono alla ricerca specifica di questi elementi.

Inoltre, la sostenibilità può riflettersi anche nella pubblicità sui motori di ricerca. Smarketer consiglia di inserire nelle pubblicità termini come "sostenibile", "ecologico" o "equo", a condizione che le affermazioni pubblicitarie siano realmente sostenibili. "Quando i clienti non solo fanno qualcosa di buono per se stessi, ma anche per l'ambiente, si risveglia il sentimento di affermazione sociale", spiega Eric Hinzpeter. È inoltre consigliabile includere la propria pagina sulla sostenibilità in uno dei sitelink e inserire i valori e le USP in relazione ai temi della sostenibilità nei callout. Le estensioni delle offerte speciali e delle immagini possono essere utilizzate per promozioni speciali e giornate della sostenibilità (come il Veganuary, il Green Friday, il Fair Friday o il Circular Monday).

Inoltre, il tema della sostenibilità può essere esteso anche alle creazioni vere e proprie, come banner e video. Qui, icone chiare, sfondi naturali e toni della terra possono trasportare le emozioni intorno all'argomento. Infine, ma non per questo meno importante, la scelta di parole chiave appropriate garantisce anche una migliore conversione e contribuisce a far sì che il messaggio raggiunga i clienti. "A seconda della concorrenza e del volume di ricerca, può essere utile includere termini generali nel proprio set di parole chiave. Questo vale per termini come 'ricondizionato', 'commercio equo' o 'economia circolare'", osserva l'esperto di Smarketer.

La guida di 60 pagine di Smarketer sul tema "Sostenibilità nel commercio elettronico e nel marketing online" può essere scaricato gratuitamente qui diventare.


Informazioni su Smarketer

Fondata nel 2011, Smarketer è oggi la più grande agenzia di Google Ads pura nella regione DACH e supporta circa 900 clienti di vari settori nella loro crescita digitale con 200 dipendenti. Smarketer è uno dei partner più importanti di Google e Microsoft in Europa e mantiene uno stretto scambio con entrambe le aziende. In questo modo, l'azienda è in grado di partecipare a workshop e beta selezionati per i motori di ricerca, distribuire le conoscenze all'interno dell'agenzia e incorporarle in modo efficiente nei progetti dei clienti. Tra i clienti ci sono marchi come PIN AG, Walbusch, Schuhe24 e Audible.

Altri articoli sull'argomento