Studio GfK sulla pandemia: diminuiscono le preoccupazioni, aumenta l'uso dei media digitali

In un recente studio, GfK ha studiato come Corona ha cambiato le abitudini di consumo della popolazione nel 2° blocco rispetto al primo. Nel complesso, la popolazione svizzera è leggermente meno preoccupata per il proprio futuro personale rispetto all'inizio della pandemia.

GfK ha continuamente sondato i consumatori sulle loro maggiori preoccupazioni dall'aprile 2020, anche ora nella sesta ondata, a marzo. Le preoccupazioni per la pandemia sono ancora tra le principali preoccupazioni nella seconda chiusura parziale, ma sono diminuite ulteriormente dopo aver raggiunto il picco nell'aprile dello scorso anno.

Le persone con basso reddito sono più colpite dalla pandemia, in quanto hanno più probabilità della media di avere alte preoccupazioni finanziarie (18.6% Top1). Anche le donne (16%) e le giovani coppie senza figli sono più esposte (16%) rispetto ad altri settori della società.

Nella Svizzera francese, si vedono chiaramente tendenze di polarizzazione più forti. Poco meno di un quinto dei francofoni è molto preoccupato per le proprie finanze, mentre poco meno di un terzo dei francofoni non ha preoccupazioni finanziarie. Nella Svizzera tedesca, la situazione è più equilibrata.

Il cambiamento climatico e la protezione dell'ambiente continuano ad essere una grande preoccupazione per la Svizzera

Le questioni ecologiche come il cambiamento climatico o l'inquinamento ambientale continuano ad essere importanti per la popolazione svizzera. Il cambiamento climatico globale è sempre stato la principale preoccupazione per le giovani generazioni dall'inizio della pandemia.

Situazione economica

La grande maggioranza degli svizzeri è almeno un po' preoccupata per il suo futuro personale a causa delle conseguenze economiche della pandemia di coronarie. Sono un po' più ottimisti sulla loro situazione lavorativa rispetto agli ultimi mesi, ma un quinto si preoccupa ancora che la loro situazione lavorativa ne risenta (ad esempio sotto forma di licenziamento).

Gli svizzeri ripensano i loro valori

Rispetto al primo Lockdown, la vita dei consumatori non è cambiata molto. Ma rispetto al tempo prima della pandemia, ovviamente, è così, il che li ha portati a ripensare i loro valori e ad abituarsi alle abitudini quotidiane completamente cambiate in una certa misura. Il risparmio rimane popolare durante la crisi. La metà degli intervistati (51%) dice che spenderà meno soldi del solito nel prossimo futuro. Anche dopo il secondo blocco, gli svizzeri passano molto più tempo all'aperto (42%) o a cucinare (+35%) o ad altre attività domestiche rispetto a prima.

I media digitali che hanno accompagnato le persone durante la crisi vengono utilizzati molto più frequentemente (Internet +36%, TV +29%, servizi di streaming +22%) e probabilmente diventeranno più importanti in futuro.

Segni positivi per il commercio al dettaglio

I centri commerciali o gli outlet sono evitati in misura molto minore (28%) rispetto all'inizio della crisi (45%).

Quasi due terzi degli svizzeri (64%) dicono di voler comprare più prodotti da produttori locali.

Oltre allo shopping online, dove c'è stata una crescita, anche i canali di vendita hotline telefonica e consulenza video stanno guadagnando importanza. 14% e 21% degli intervistati dichiarano rispettivamente che li useranno più spesso in futuro.

Poca fiducia nel comportamento responsabile delle imprese

Nemmeno la metà degli svizzeri (42%) crede che le aziende si comporteranno in modo più responsabile a seguito della crisi Corona. Ci sono stati anche alcuni spostamenti significativi nella reputazione delle aziende come risultato della crisi, sia in positivo che in negativo, a seconda di come le aziende hanno percepito la loro responsabilità o addirittura hanno contribuito alla soluzione.

Altri articoli sull'argomento