Classifica dei creativi 2023: Ruf Lanz conquista la corona

L'agenzia boutique di Zurigo Ruf Lanz vince la tradizionale classifica dei creativi. Nel 2005 era già al primo posto, poi nella top 5 per quasi 20 anni. Ora l'agenzia vuole ritirarsi dal clamore del premio.

Dopo innumerevoli premi, Markus Ruf e Danielle Knecht Lanz dicono addio a molti festival, ma non al loro appassionato lavoro creativo. (Immagine: zVg. Ruf Lanz)

Da quando ho iniziato a redigere la classifica dei creativi, Ruf Lanz si è sempre classificata tra il 3° e il 2° posto: in altre parole, è sempre stata affidabile e brillante. Ma quest'anno l'agenzia boutique con i suoi otto dipendenti si aggiudica la corona. 1° posto.

Non è la prima volta che l'agenzia si aggiudica il primo posto, come nel 2005. Con 36 punti di distacco da Wirz, Ruf Lanz è tornata ad occupare il trono creativo dopo tanti anni con 399 punti. Grazie all'eccellente lavoro svolto per clienti di lunga data e per nuovi clienti come Museum Haus Konstruktiv, Vegipionier Hiltl, VBZ, Welti-Furrer Fine Art Transport, Centro Arud per la medicina delle dipendenze e l'Ufficio svizzero per la prevenzione degli infortuni (BFU), Ruf Lanz è riuscito a vincere premi nazionali e internazionali. Markus Ruf è molto grato al suo "team dedicato", ma anche ai suoi clienti, ed è visibilmente commosso. Il lavoro è fatto con tanto cuore e tanta anima, dice, e questo è necessario anche per confezionare idee e messaggi in modo così sorprendente che il pubblico li voglia vedere e li apprezzi.

La top 5 2023: Ruf Lanz conquista il primo posto con un distacco di 36 punti, davanti a Wirz, che si aggiudica il secondo posto. Il Team Farner è al 3° posto, il 4° posto va a Thjnk e il 5° posto è assicurato dalla società di produzione cinematografica Stories. (Grafico: m&k Werbewoche.ch)

La fine del clamore

Già a dicembre, prima m&k advertisingweek.ch Quando è iniziato il processo di classificazione creativa di quest'anno, l'agenzia ha deciso di dire addio al clamore dei premi a partire dal 2024. "La nostra fame di premi è soddisfatta", riassume Markus Ruf. Sul palcoscenico internazionale, l'agenzia continuerà a rompere le scatole a Lanz(e) con lavori selezionati come "Lürzers Archive Best Advertising Worldwide". Il fatto che Ruf Lanz si congedi con un primo posizionamento è, ovviamente, il perfetto commiato.

Solo alcune delle numerose ed eccellenti campagne di Ruf-Lanz: Per Museum Haus Konstruktiv, VBZ, Welti-Furrer Fine Art, l'Ufficio svizzero per la prevenzione degli infortuni (BFU) e Hiltl. (Immagini: zVg.)

Wirz si aggiudica il 2° posto

Wirz si piazza al secondo posto nella classifica distrettuale con 363 punti. C'è gioia alla Uetlibergstrasse 134b per la posizione sul podio. L'agenzia era al quarto posto nel 2021, poi si è dimenticata di partecipare nel 2022 per motivi non specificati, e nel 2023 è sul podio. È un incentivo e una conferma, afferma Caspar Heuss, direttore creativo esecutivo e senior partner di Wirz. "Continueremo a dedicare tutte le nostre energie creative al successo dei nostri clienti. Soprattutto sul mercato, ma anche alle fiere di premiazione, se lo desideriamo". Heuss spiega che i clienti di Wirz sanno che Wirz non crea idee per vincere premi. "Sanno che le nostre idee risolvono problemi e raggiungono obiettivi. Questo crea fiducia. Questo porta al coraggio. E che alla fine porta ai premi".

Per l'anno in corso, Wirz spera che alle premiazioni e alle classifiche creative venga finalmente attribuito lo status che meritano: ovvero non uno status particolarmente elevato. Nel 2024, una buona agenzia non sarà più riconosciuta in base al fatto che vinca molti premi, ma in base al fatto che garantisca la crescita dei suoi clienti, afferma Heuss. "Se nel frattempo vince qualche premio, tanto meglio".

La trovata di Wirz per il reclutamento a Berlino (a sinistra) ha generato molta stampa, sia a Berlino che in Svizzera. La campagna Oui/Non per Migros è stata una delle campagne più importanti del settore nel 2023. E insieme a Svizzera Turismo, Wirz è riuscito a fare centro con Roger Federer e la star di Hollywood Anne Hathaway. (Immagini: zVg.)

Squadra Farner al 3° posto

Il Team Farner è molto soddisfatto del terzo posto e dei 262 punti guadagnati. Dal 2020 si sta impegnando per raggiungere la vetta. Il Team Farner realizza progetti per marchi, aziende e politica in sette sedi in tutto il Paese, con 300 esperti in tutte le discipline della comunicazione. Con l'acquisizione di agenzie come Rod, Blue Glass, Yoveo, Jim&Jim, Affective Advisory e Semsea, negli ultimi anni il Team Farner ha apportato costantemente nuove competenze.

Philipp Skrabal, Partner e Chief Creative Officer di Team Farner, riassume così lo sviluppo: "Quello che abbiamo iniziato con la fondazione di Team Farner circa dodici anni fa si è sviluppato in un modello svizzero di successo. Ora stiamo costruendo questo modello in Europa da due anni. Lo scambio internazionale è molto stimolante". Quando gli viene chiesto quale sia la USP del Team Farner, Skrabal si dilunga un po'. "Qui si lavora naturalmente con esperti di tutti i settori della comunicazione. Come creativo, può capitare rapidamente di lavorare a un'idea con persone che si occupano di Public Affairs, Corporate Communications o Behavioural Science. Questa vicinanza interdisciplinare crea qualcosa di nuovo e rende la comunicazione dei nostri clienti più rigorosa ed efficace.

Se ripensa alle discussioni con i clienti dello scorso anno, il tema della creatività è tornato al centro dell'attenzione, afferma Skrabal. Il motivo è da ricercare nell'"era del cookie stalking", che sta per finire. Il creativo è certo che i contenuti rilevanti e la creatività continuino ad attirare l'attenzione. Non ha fatto alcun proposito specifico per il 2024; il suo obiettivo principale rimane quello di creare soluzioni di comunicazione eccezionali con gioia e ambizione. Vuole trasmettere questo entusiasmo agli altri.

Il team Farner ha ottenuto risultati a livello nazionale e internazionale con campagne per OceanCare, Al Mulinetto e SBB. (Immagini: zVg.)

Thjnk scivola dal rango 1 al 4

L'anno scorso, Thjnk è stata la chiara vincitrice del Krearanking. Il quarto posto di quest'anno, con i relativi 195 punti, non soddisfa naturalmente le aspettative dell'agenzia, afferma Alexander Jaggy, cofondatore e Chief Creative Officer di Thjnk. Ma alla luce dell'anno turbolento, è comprensibile e non sorprendente. E spiega a quali turbolenze si riferisce: "Il 2023 è stato un anno decisivo per la nostra agenzia, con la scomparsa del Credit Suisse in primavera e la conquista del mandato svizzero in autunno. Raramente si verificano svolte così importanti nello stesso anno finanziario. Nonostante questo tour de force imprenditoriale, siamo riusciti a produrre alcuni grandi successi creativi per Ochsner Sport, Denner e Migros. Questo ci rende incredibilmente orgogliosi.

Storie di cambi di carriera

Con il 5° posto e 177 punti, la produzione cinematografica Stories ha ottenuto una sorpresa. Tobi Fueter, cofondatore e regista di Stories, ha sentimenti contrastanti: "È come se avessimo barato: In primo luogo, questo posto appartiene a un'agenzia e non a una produzione cinematografica, e in secondo luogo, dobbiamo questo posto esclusivamente al nostro grande pilota NZZ. Siamo stati fortunati perché NZZ voleva solo un film di immagini in movimento online e quindi ci ha permesso di essere coinvolti nel processo creativo fin dall'inizio. È stato un passo non convenzionale e coraggioso da parte di NZZ. Abbiamo visto questa particolare sfida come una grande opportunità. Siamo ovviamente felici del grande onore di essere tra i primi 5 in classifica, ma siamo ancora più felici del successo del film. "Wenn die Debatte verstummt" di Stories per la "Neue Zürcher Zeitung" ha vinto premi nazionali e internazionali nel 2023. Alla domanda sull'anno in corso e su come si possa fare di meglio, Fueter risponde: "Il nostro desiderio è già stato esaudito con un progetto di forma simile per quest'anno". Congratulazioni e aspettiamo con ansia il Krearanking 2024.

Gradi da 6 a 10

Anche i posti dal 6 al 10 sono di alto livello. Il 6° posto va a TBWA con 141 punti. Il CCO Manuel Wenzel riassume: "Il 2023 è stato positivo, anche se siamo scesi di una posizione. Ogni anno cerchiamo di svilupparci ulteriormente e di esplorare con i nostri clienti strade nuove, più coraggiose e, soprattutto, molto diverse. A nostro avviso, ci siamo riusciti. Siamo riusciti a guadagnare punti in categorie come il design dei prodotti, la brand experience e i social, oltre che nelle categorie forse più classiche delle agenzie pubblicitarie. Nel 2024, naturalmente, speriamo di avvicinarci nuovamente alla vetta. Ma siamo soddisfatti di come è nata la nostra classifica, proprio come negli anni precedenti, ovvero con un lavoro molto diverso ed efficace per i nostri principali clienti."

Il 7° posto va all'agenzia Freundliche Grüsse. Con 130 punti, sono solo 11 punti dietro a TBWA. Samuel Textor, fondatore/direttore creativo, riassume il risultato. "Dal 10° posto al 7°: ne siamo felici, un bel regalo per il nostro 10° anniversario. Se si considerano le dimensioni dell'agenzia - siamo 15 persone - rispetto al numero di punti, ci vediamo ancora più avanti. Ma il 7° posto dimostra anche che c'è ancora margine di miglioramento - e questo continua a essere uno stimolo". L'anno 2023 è stato impegnativo sotto molti aspetti. Da un lato, la situazione economica e globale ha contribuito a far sì che i clienti non volessero comprensibilmente correre rischi. Dall'altro lato, l'agenzia si è resa conto che i temi chiave della sostenibilità e della società sono attualmente molto richiesti dalla comunicazione. Ciò ha offerto un'ampia gamma di opportunità per soluzioni creative, che Freundliche Grüsse ha sfruttato al meglio.

Con 98 punti, Foundry si è piazzata all'ottavo posto e Sacha Moser, fondatore e partner creativo, ha espresso la sua gioia: "Siamo molto contenti e prendiamo questo risultato come un incentivo. Il simbolismo dell'8 come segno di infinito rafforza la nostra ambizione di essere una presenza regolare nella classifica e di diventare una top 10 ricorrente. Come nuovi arrivati, ci leviamo il cappello di fronte a tutti i nomi leggendari che sono stati regolarmente in cima alla classifica per anni. Il 2023 ha avuto le sue sfide, ma quale anno non le ha avute? Nel nostro settore siamo sempre in prima linea nel cambiamento e nell'innovazione. Perché i problemi, uniti all'ottimismo, sono i genitori della creatività. L'agilità, la creatività e l'apertura al nuovo ci guidano ogni giorno. Siamo all'inizio ogni giorno e il nostro obiettivo è fornire le soluzioni più innovative e creative.

La società ON si è classificata al 9° posto con 66 punti. Non è stato possibile ottenere alcuna dichiarazione da ON entro la scadenza della redazione. Infine, l'agenzia zurighese Wundermann Thompson si è classificata al 10° posto con 60 punti. Swen Morath, Co-CEO e Chief Creative Officer, afferma: "Siamo stati (felicemente) sorpresi di vedere che alla fine siamo riusciti a entrare nella top 10 della classifica creativa. Congratulazioni a tutte le prime 10 agenzie per i loro risultati creativi e in particolare alla nuova numero 1 Ruf Lanz. Essere stati ininterrottamente tra le agenzie più creative della Svizzera dal 2001 è un fatto unico e merita il nostro massimo rispetto!"

Altri articoli sull'argomento