G&G sceglie Fabian Bane Florin come Volto dell'Anno

Sabato 25 giugno, "Volti e storie" ha presentato i premi "G&G" per la prima volta con un nuovo nome.

Il vincitore della categoria principale Face of the Year Fabian Bane Florin. Nelle altre categorie, "G&G" ha scelto come vincitori Priscilla Schwendimann, Heinz Frei, Helen Keller, die Engelskleider e Julian Koechlin.

Volto dell'anno: Fabian Bane Florin

Il volto dell'anno, scelto equamente dalla redazione di "G&G" e dal pubblico tra tutti i candidati, è stato Fabian Bane Florin. L'artista di strada è stato tossicodipendente per 14 anni. A causa della sua dipendenza, è diventato persino un criminale. Invece di andare in prigione, è entrato in terapia a lungo termine - con successo. Oggi il 39enne grigionese non è solo libero e pulito, ma anche uno dei graffitari svizzeri di maggior successo. A salvarlo è stata la fiducia nel suo sogno di dedicare la vita all'arte. "Vengo da sotto i ponti, ho dormito in garage sotterranei. E ora sono la proprietaria di un bellissimo studio e posso realizzarmi. Ho già vinto dieci volte i sei pence alla lotteria".

Il pastore riformato è impegnato in una chiesa aperta al mondo. Una chiesa che non solo cerca il contatto con le giovani generazioni, ma si batte anche per la comunità LGBTQ. La 29enne non conosce tabù: sul suo canale YouTube "Holy Shit", la lesbica dichiarata parla apertamente di argomenti come l'omosessualità e la masturbazione. Il suo obiettivo è costruire un ponte con tutte quelle persone che non si sentono comprese o escluse dalla Chiesa.

Incoraggiatore dell'anno: Heinz Frei  

Nato a Soletta, aveva solo 20 anni quando è rimasto paraplegico in seguito a un incidente. Lo shock, la rabbia e il dolore sono seguiti da un immenso slancio. Il peso della sedia a rotelle diventa la gioia dello sport in carrozzina. Sei anni dopo, l'uomo di Soletta vinse cinque medaglie ai suoi primi Giochi Paralimpici. Un successo segue l'altro. Dopo una gara deludente a Rio nel 2016, vuole riprovarci nel 2021 e vince l'argento alle Paralimpiadi di Tokyo all'età di 63 anni.

Leader di pensiero dell'anno: Helen Keller 

Nel 2011, il professore di diritto zurighese è stato eletto supremo custode dei diritti umani in Svizzera: Per nove anni è stata giudice presso la Corte di giustizia europea di Strasburgo. Si tratta di una delle più alte cariche che uno studioso di diritto possa ricoprire. E con una responsabilità straordinaria: verso il popolo, ma anche verso la Svizzera. Oggi Helen Keller, 58 anni, è giudice presso la Corte costituzionale della Bosnia-Erzegovina, oltre a insegnare all'Università di Zurigo. Una grande responsabilità pesa ancora su di lei, eppure ha più tempo. Tempo per la sua famiglia e per la sua amata musica.

Il frontaliere dell'anno: Angel dresses 

Manuela Achermann, 44 anni, Monica Wyss, 43 anni, e Ursina Troxler, 44 anni, non sono solo amiche, ma condividono anche lo stesso destino: hanno tutte perso un bambino. Per aiutare gli altri malati a superare il lutto, dal 2017 cuciono volontariamente abiti da angelo: vestiti d'addio per i cosiddetti bambini angelo che nascono morti o che possono vivere solo per poche ore - tutti realizzati con abiti da festa o da sposa. Anche se il lavoro è spesso difficile per loro, la gioia prevale. "Diamo vestiti d'amore per figli d'amore.

Volante dell'anno: Julian Koechlin 

L'attore basilese ha raggiunto la fama di serie con il suo ruolo in "Neumatt". Dopo le sue apparizioni in "Wilder" e "Der Bestatter", il 29enne è ora uno dei principali attori del cinema svizzero. Ma è anche a suo agio sul palcoscenico teatrale: ad Aquisgrana, dove vive da quattro anni, è stato recentemente alla ribalta nel ruolo di Jonathan ne "I fratelli Cuor di Leone" di Astrid Lindgren. Deve il suo successo anche alla sua mutevolezza, che lo sta portando visibilmente più vicino al suo sogno: un ruolo da protagonista in un grande film.

(Visitato 142 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento