Il presidente della giuria ADC Thomas Wildberger: "Una vita senza premi è possibile. Ma inutile".

Intervista a Thomas Wildberger, presidente della giuria degli ADC Awards di quest'anno.

Werbewoche.ch: Lei è presidente della giuria, cosa significa esattamente?

Thomas Wildberger: Sono, per così dire, il direttore di un'orchestra in cui tutti vogliono suonare il primo violino. Seriamente: si tratta di guidare 25 colleghi altamente decorati attraverso una moltitudine di lavori e di moderare questo percorso nel modo più neutrale possibile per stabilire alla fine il punto di riferimento annuale in termini di comunicazione creativa. Naturalmente, abbiamo in mente l'obiettivo comune di determinare la comunicazione più creativa, eccezionale e innovativa del nostro Paese.

Sono state presentate 431 opere, quanto è difficile distillare l'oro, l'argento e il Gran Premio nelle 19 categorie?

È necessario il massimo grado di obiettività, correttezza e concentrazione per poter classificare correttamente il lavoro. È un processo. Per alcune opere, è chiaro molto presto con cosa saranno premiate. Per altri, invece, ci vuole più tempo o richiede una discussione tra i giurati, che esprimono le loro diverse opinioni e contribuiscono al giudizio.

Quanto la giuria è stata d'accordo o in disaccordo quest'anno?

È interessante notare che c'è stata un'unanimità quasi assoluta in quasi tutte le opere vincitrici. Ci sono stati solo alcuni candidati "fifty-fifty", dove alla fine le sfumature hanno deciso se un'opera ha vinto o meno.

Cosa deve fare un Gran Premio e a cosa ha prestato particolare attenzione quest'anno?

Il Gran Premio sarebbe andato a un'opera che ancora una volta ha superato tutte le altre e si è distinta sotto tutti i punti di vista. Abbiamo avuto il raro caso di vedere non una sola opera eccellente, ma ben sei. Poiché non volevamo mettere nessuno di loro al di sopra degli altri e li consideravamo tutti ugualmente brillanti, abbiamo assegnato sei medaglie d'oro a livello di Grand Prix invece di un Grand Prix. Tra l'altro, agire in questo modo è in linea con il regolamento, che non prevede l'obbligo di assegnare un Gran Premio.

La giuria ha notato un cambiamento nelle opere presentate a causa dei tempi difficili da più di due anni, il tono è diverso, i temi, il contesto?

Naturalmente, numerose opere si sono occupate della pandemia e dei suoi effetti. Abbiamo creato la categoria Corona appositamente per questo. A parte questo, non ho notato grandi cambiamenti. Tuttavia, ho notato che nella categoria delle immagini in movimento c'erano molte candidature, da un lato, e molte candidature di alta qualità, dall'altro. Alla fine, il risultato è stato di ben tre medaglie d'oro solo per quest'area. Si nota anche che abbiamo vinto lavori per clienti di fama mondiale come Svizzera Turismo, Canal+, Swisscom, Freitag o Welti-Furrer. 

Come valuta la giuria i criteri di diversità? Iniziative come il Protocollo Gisler hanno già influenzato le produzioni?

Sì, la diversità nella produzione creativa sta aumentando sensibilmente. Ma non è stato un problema durante il giudizio. Si tratta solo di una buona idea e di tutto ciò che serve per realizzarla.

Cosa pensa dei premi in generale? Quanto sono importanti per lo sviluppo dell'industria della pubblicità e della comunicazione?

Sono molto importanti perché crediamo fermamente che una comunicazione creativa venda meglio di una comunicazione non creativa. Abbiamo delle mostre di premiazione in modo da poterle riadattare ogni anno tenendo conto di questo aspetto. Servono anche da guida per l'intero settore, compresi i clienti, perché ci mostrano come si fa, che il nostro lavoro viene recepito e venduto. Un premio ADC è ancora la valuta più alta per un creativo. Naturalmente non bisogna sopravvalutarla, perché la vita senza premi è possibile. Ma è inutile.

Questa volta i Creative Days si sono svolti per quattro giorni a Villa Doldertal con il motto "Straight out of Homeoffice". Come è nata la richiesta di risarcimento?

È dovuto alla tempistica: La Corona sta finendo, la primavera sta iniziando e, guarda caso, abbiamo programmato i nostri Creative Days in modo da poterci riunire direttamente dalla sede nella splendida villa di Doldertal.

ADC ha aperto una nuova strada con una maratona creativa di quattro giorni e una cerimonia di premiazione incorporata in questo evento di quattro giorni. Qual è la sua conclusione?

Quello che era iniziato come un esperimento si è rivelato un colpo di fortuna. Anche il tempo ha collaborato: Quattro giorni fantastici con un programma variegato in cui tutti coloro che lo desideravano hanno potuto partecipare e imparare. L'atmosfera era rilassata e si percepiva quanto tutti fossero felici di essere tornati tra la gente. Alcuni sono venuti addirittura per tutti e quattro i giorni. Il mio momento più importante è stato il sabato, quando abbiamo sorprendentemente premiato più opere grandiose del previsto e abbiamo celebrato i creatori e noi come intero settore.

(Visitato 418 volte, 1 visite oggi)

Altri articoli sull'argomento