Dodici opere nominate per lo Zurich Journalism Award 2022

La giuria dello Zurich Journalism Prize ha nominato nove opere tra 180 testi presentati. Inoltre, tre opere possono sperare nel premio Newcomer.

Zürcher JournalistenpreisIl 28 giugno 2022, il premio di giornalismo Zurich 2022 sarà assegnato nella Kaufleuten di Zurigo. Ora è chiaro chi è entrato nella shortlist. La giuria ha nominato i contributi di nove candidati su 180 testi presentati:

  • Helene Aecherli, Il caso di Yasemin (Annabelle)
  • Stefan Barmettler, The EY File (Handelszeitung)
  • Yves Demuth, Lavoro forzato in filanda (Osservatore)
  • Manuela Enggist, Un lungo viaggio nella notte (La rivista)
  • Roland Gamp, "Hanno rovinato la nostra esistenza" (Tages-Anzeiger / Giornale della domenica)
  • Angelika Hardegger, Cari agricoltori, parliamo (NZZ)
  • Michael Schilliger, La terza vita di Mamadou (NZZ)
  • Quentin Schlapbach, Cedric Fröhlich, Serie: I giorni del caos di Wengen
    (BZ Berner Zeitung)
  • Rebecca Wyss, "Sono felice se qualcuno dice solo frocio" (Rivista SonntagsBlick)

Tre di queste opere saranno premiate alla fine di giugno con il premio giornalistico Zurich Journalism Prize di 10.000 CHF ciascuna.

La giuria ha anche nominato tre opere per il premio Newcomer, che vale 5.000 franchi svizzeri:

  • Larissa Rhyn, Katrin Büchenbacher, Nessun dottorato per un tweet: Ecco fin dove arriva l'influenza della Cina sulle università svizzere (NZZ)
  • Finn Schlichenmaier, La mia generazione vive per il consumo (La rivista)
  • Karin A. Wenger, Nel nome del pallone (Repubblica)
(Visitato 234 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento