Classifica creativa 2021: Rosemarie porta CRK alla vittoria

L'agenzia CRK parte a razzo nella classifica creativa di quest'anno - e si catapulta al primo posto con un film pubblicitario emozionale. Il vincitore dell'anno scorso Jung von Matt Limmat si ritira, Ruf Lanz rimane costante, Publicis sale.

Kreativranking 2021
Il cortometraggio "Das bewegte Leben der Rosemarie" (La vita movimentata di Rosemarie) ha vinto vari concorsi e ha portato l'agenzia CRK alla vittoria nella classifica creativa. (Immagine: zVg)

La stella cadente del 2021 è CRK. La "Boutique Agency of the Year" ha segnato particolarmente bene nel 2021 con il cortometraggio emotivo "The eventful life of Rosemarie" dalla campagna "Making a career as a human being". Commissionata da Curaviva Svizzera, Spitex Svizzera e OdASanté, questa campagna mirava a rafforzare le carriere nelle cure di lunga durata e a sostenere il reclutamento di professionisti. Il film premiato ritrae il percorso di vita di Rosemarie - le sue esperienze in guerra, il dolore della separazione e la gioia del ricongiungimento fino al momento in cui racconta la sua storia a Livio, che studia da infermiere e si prende cura di lei.

Christian Bircher, responsabile del film come direttore creativo, è orgoglioso. "L'opportunità di realizzare una storia in questo formato per una campagna d'immagine non capita tutti i giorni. A differenza delle agenzie internazionali, il nostro budget di presentazione era limitato e quindi abbiamo presentato Rosemarie in modo molto specifico nelle categorie direzione artistica e animazione". Tuttavia, i "Quattro amici" per la campagna dell'UFE "Riscaldamento rinnovabile" e la campagna Pro-Infirmis #WieDuUndIch sono stati presentati anche occasionalmente, che hanno guadagnato punti aggiuntivi nella classifica, spiega Bircher (vedi intervista su Werbewoche.ch).

Guida la classifica creativa 2021: Il team CRK. (Immagine: zVg.)

Rango 2 a 5

Il secondo posto va a Ruf Lanz. Si potrebbe scrivere casualmente, "ancora" o "solito brillante", ma questo non descriverebbe davvero quale forza creativa emana da questa agenzia boutique. Non è affatto normale che Ruf Lanz si muova così costantemente nell'aria sottile dei migliori da 20 anni - hanno celebrato il loro anniversario l'anno scorso. Markus Ruf riassume così il suo secondo posto in classifica: "Nessuno ha aspettato una campagna. Ha bisogno di un'idea che confezioni il messaggio in un modo così sorprendente che il pubblico voglia ascoltarlo". E l'agenzia, che comprende otto menti creative, ci riesce da anni con una coerenza che non è seconda a nessuno. Tra le campagne eccezionali per le quali sono piovuti premi ci sono "Tier im Recht", "Welti-Furrer Fine Art Transport" e "Kein Tier im Visier 2". Ulteriori dichiarazioni possono essere trovate su Ruf Advertisingweek.ch.

Publicis/Notch si è catapultato dal 7° al 3° posto. Notch opera da due anni sotto l'egida del gruppo Publicis e insieme hanno prodotto ottime campagne nel 2021, soprattutto con i consigli video dei negozi specializzati Migros, l'aiuto di quartiere Amigos di Migros e UBS Helpetica. "Quest'anno ha confermato due cose per noi", dice il CEO di Publicis Zurich Matthias Koller. "In primo luogo, che Publicis Zurich è sinonimo di creatività che affronta e muove. E in secondo luogo, che con Notch offriamo una creatività che collega le persone e le marche con il design e la tecnologia innovativa. Quando si tratta di premiare questo concentrato di creatività alle premiazioni, per noi è chiaro che presentiamo solo campagne reali per clienti reali. Nessuna idea di premio, nessuna idea senza un briefing".

Il quarto posto va a Wirz, che si è preso una pausa l'anno scorso e l'anno prima. Non nel lavoro creativo, ovviamente, ma nella presentazione ai concorsi. Ora sono tornati in classifica e stabili al 4° posto, come lo erano prima della pausa. (vedi grafico). Wirz ha vinto premi nel 2021 con molti lavori; solo all'ADC Switzerland, l'agenzia ha vinto l'argento cinque volte con cinque campagne diverse. Per Wirz, presentarsi all'ADC Switzerland è soprattutto un impegno verso la Svizzera come luogo creativo. I co-CEO di Wirz, Livio Dainese e Petra Dreyfus, vedono l'investimento nella tassa di presentazione come una promozione dei giovani talenti. "A livello internazionale, ora presentiamo solo lavori di cui siamo veramente orgogliosi, anche se non vinciamo nulla con essi", dice Dainese. Quest'anno è stato lo spot turistico svizzero "No Drama" con Robert de Niro e Roger Federer.

TBWA\Zurich era uscita dalla top 10 l'anno scorso, l'ECD Manuel Wenzel l'ha spiegato così: "Abbiamo deciso di fermare il premio praticamente all'inizio della storia di Covid, come parte di una serie di misure che abbiamo avviato per garantire i posti di lavoro per la nostra gente". Apparentemente una buona decisione, dato che quest'anno sono tornati con una vendetta, buttando fuori l'agenzia Havas dal quinto posto. Wenzel è particolarmente orgoglioso che TBWA abbia vinto premi in una vasta gamma di discipline, con sette diversi lavori per cinque clienti. Il suo highlight personale del 2021 è stato il targeting Tesla che TBWA ha sviluppato per Porsche perché era un tipo di idea molto diverso, la risposta dirompente di un'agenzia creativa al clamore dei dati e delle prestazioni.

La Top 5 2021: CRK prende il primo posto, seguito da Ruf Lanz. Publicis/Notch ottiene il terzo posto davanti a Wirz. Dopo una pausa, TBWA lotta per il 5° posto (Immagine: Redazione).

Posto 6 a 10

Quest'anno il sesto posto nella classifica creativa è andato all'agenzia Inhalt und Form. Karin Estermann, ECD e partner, è orgogliosa che l'agenzia abbia potuto contare completamente sul team in tempi così difficili. Questo si è tradotto in grandi campagne, che hanno portato a clienti soddisfatti e anche a premi. Per esempio, per Aldi Suisse, Carl F. Bucherer, EI Tony e Caotina. Dominik Stibal, CEO e partner, è particolarmente orgoglioso dello "Züribrätt". Un'auto-iniziativa dei dipendenti di Inhalt und Form, che ha portato la vita dei bar e dei club di Zurigo nella stanza calda sotto forma di un gioco da tavolo durante il blocco. "Questo ci ha permesso di raccogliere non solo diversi premi in varie premiazioni, ma anche più di 70.000 franchi svizzeri, che sono andati a beneficio del Bar & Club Komission Zürich", dice Stibal. La "famiglia iundf", composta da Inhalt und Form, iundf Marketing Technology e iundf Media Impact, ha continuato a crescere nel 2021 e ha potuto ampliare il suo portafoglio clienti. "Un buon segno che il riorientamento che abbiamo intrapreso cinque anni fa sta dando i suoi frutti", dice Dominik Stibal.

Anche se spinto giù dal 5° al 7° posto da Inhalt und Form, Havas è rimasto stabile nella top 10 delle classifiche creative per anni. Patrick Beeli, CD di Havas Zurich, vede il futuro dell'industria creativa come una sfida. Le idee sono diventate parte di un sistema complesso. La sfida sarà quella di combinare in modo ottimale creatività e centralità del cliente. Questi non dovrebbero escludersi a vicenda. Gabriel Mauron, CD di Havas Geneva, aggiunge che la giusta strategia creativa, unita a un buon intrattenimento, permetterà ai clienti di avere un'esperienza più significativa.

Il gruppo Farner si è fatto strada dal 10° all'8° posto. Anche se la classifica creativa ha un significato come incentivo per l'industria, Philipp Skrabal sottolinea che l'agenzia non si è concentrata su di essa nemmeno nel 2021. Questo perché il significato in termini di effettiva performance creativa delle agenzie è distorto. Il CCO e partner del Farner Group lo riassume così: "Siamo orgogliosi della nostra classifica. La creatività rimane decisiva per la partita - nella vita professionale quotidiana, tuttavia, mostra un volto molto più sfaccettato di quello rappresentato in questa classifica".

Wunderman Thompson rimane stabile al nono posto. Swen Morath, Co-CEO e CCO, dice: "A causa della situazione economica ancora tesa in Svizzera, nel 2021 abbiamo fatto significativamente meno invii del solito. Ma era importante per noi presentare almeno un caso per ogni premio locale che aveva luogo, per sostenere in qualche modo gli organizzatori. Siamo particolarmente lieti di essere entrati nella top 10 della classifica creativa.

La posizione 10 quest'anno va a Dept Agency. Michael Volkart, fondatore e socio, ha ritenuto che il 2021 fosse molto speciale. È stato il segnale di partenza per Dept come agenzia digitale olistica in Svizzera. "Con il rebranding di Hinderling Volkart a Dept, possiamo ora unire ciò che avevamo già offerto e lanciato con successo in Svizzera nei settori della creazione e delle prestazioni sotto un unico ombrello di marca", ha detto Volkart.

E Jung von Matt Limmat?

Il Il vincitore dello scorso anno Jung von Matt Limmat manca nella classifica creativa di quest'anno. L'agenzia persegue una strategia di premi ridotti dal 2021 e investe costantemente le risorse liberate nella promozione dei giovani talenti. Per questo motivo, l'agenzia ha deciso di non partecipare al Creative Ranking 2021.


DLo Swiss Creative Ranking viene condotto e pubblicato annualmente da Werbewoche dal 2002. Dopo la fusione di m&k e Werbewoche.ch, la classifica è stata pubblicata nell'edizione cartacea di m&k e online su Werbewoche.ch dal 2022. Riflette la performance delle agenzie nelle competizioni nazionali e internazionali. Le regole - cioè quali premi possono essere contati e con quale ponderazione - sono determinate da ADC Switzerland in consultazione con le agenzie leader. L'ultimo adeguamento delle regole ha avuto luogo in occasione di un cosiddetto "giro dell'elefante" nel 2017. 

(Visited 1.311 times, 1 visits today)

Altri articoli sull'argomento