Miriam Walther: da lavoro part-time a "Media Manager dell'anno

La rivista di settore Schweizer Journalist:in nomina Miriam Walther di Republik "Media Manager dell'anno 2021".

Schweizer Journalist
La vincitrice di quest'anno Miriam Walther al "Rothaus" sulla Langstrasse di Zurigo, la casa di Repubblica.

Miriam Walther è stata amministratore delegato della Repubblica. L'anno 2020 - a causa della mancanza di denaro, il mezzo ha dovuto iniziare una campagna di sopravvivenza - è stato il loro battesimo del fuoco. Oggi tutto sembra diverso. Il Repubblica ha quasi 30.000 adesioni e abbonamenti nell'ottobre 2021. 1,1 milioni di franchi svizzeri di profitto registrati dal Repubblica quest'anno. Un momento di speranza in un'industria che per anni ha conosciuto soprattutto cattive notizie. La donna dietro questo successo? Fino a poco tempo fa, ha viaggiato per il mondo come regista teatrale e manager di produzione. Vai a Repubblica è venuta perché voleva qualcosa di più tranquillo. Un lavoro part-time. Poco dopo, è diventata amministratore delegato. E poi è andata per la sua strada.

Per i loro risultati in questo percorso, la rivista di settore Giornalista svizzero: in Miriam Walther come "Media Manager dell'anno". Questo premio viene assegnato ogni anno a una manager della gestione dei media svizzeri che con il suo lavoro crea le basi economiche per il giornalismo. "Un buon giornalismo ha necessariamente bisogno di una buona gestione. Vogliamo renderlo chiaro con questo premio e apprezzare così il lavoro di eccezionali manager dei media", spiega Giornalista-editore Johann Oberauer.

La giuria per il Media Manager quest'anno comprendeva l'ex manager dei media Caroline Thoma, Eva Hirschi, direttrice di Investigativ.ch, il giornalista dei media Dennis Bühler, l'editore Johann Oberauer e le caporedattrici Samantha Zaugg e Charlotte Theile. Dennis Bühler, che è responsabile del Repubblica riferito dal Parlamento federale, ha scioperato durante la decisione su Miriam Walther.

I manager dei media dell'anno in Svizzera: Hall of Fame

2006: Peter Wanner, AZ Medien

2007: Théo Bouchat, Edipresse

2008: Ralph Büchi, Springer

2009: Pietro Supino e Martin Kall, Tamedia

2010: Valérie Boagno, Le Temps

2011: Albert Polo Stäheli, Gruppo NZZ

2012: Christoph Bauer, AZ Medien

2013: Norbert Neininger, Schaffhausen Notizie

2014: Michael Ringier, Ringier

2015: Marcel Kohler, 20 minuti

2016: Christoph Tonini, Tamedia

2017: Dominik Kaiser, TV 3+

2018: Peter Wanner, CH Media

2019: Simonetta Sommaruga, ministro dei media

2020: Nathalie Wappler, SRF

2021: Miriam Walther, Repubblica


Leggi di più su Miriam Walther nel numero attuale di Swiss Journalist:in, pubblicato martedì.

(Visitato 438 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento