Il consigliere di Stato glaronese Thomas Hefti riceve il premio del giornalista per gli abusi

Nel 2021, un'edizione speciale del premio giornalistico "Golden Brake Block" sarà assegnato a Thomas Hefti, membro del Consiglio degli Stati per il PLR di Glarona. Secondo le proprie informazioni, la rete di ricerca Investigativ.ch assegna il premio a persone che hanno "reso servizi eccezionali" nella prevenzione dell'informazione.

Marc Meschenmoser, co-presidente di Investigativ.ch, con il Golden Brake Block 2021. (Immagine: Investigativ.ch)

Diverse questioni in corso in parlamento potrebbero influenzare la libertà dei media così come le condizioni di ricerca dei professionisti dei media in Svizzera, ha annunciato sabato la Rete di ricerca dei giornalisti investigativi in Svizzera. Hefti è l'autore di una mozione in parlamento per inasprire l'articolo 266 del codice di procedura civile e per semplificare la prevenzione degli articoli dei media impopolari.

In particolare, riguarda l'ostacolo per le ingiunzioni super provvisorie imposte dai tribunali contro le relazioni nei media che appaiono regolarmente. Oltre ad altri criteri, un "grave svantaggio" deve essere sufficiente in futuro come giustificazione per impedire temporaneamente la pubblicazione di un rapporto dei media. In precedenza, era necessario uno "svantaggio particolarmente grave". Il Consiglio degli Stati ha approvato la proposta con 30 voti contro 12.

Hefti aveva così lanciato "probabilmente il più grave attacco" contro i giornalisti critici nella segretezza di una riunione della commissione, ha detto il comunicato di Investigativ.ch. Inizialmente, nessuna dichiarazione era disponibile da parte del 61enne politico liberale e avvocato. Secondo gli organizzatori, non ha accettato il premio personalmente alla riunione annuale della rete di ricerca a Biel BE.

La Rete di ricerca ha assegnato un "blocco d'oro" annuale dal 2014. Con questo premio, vuole attirare l'attenzione sulla prevenzione dell'informazione e renderla oggetto di dibattito.

I precedenti vincitori sono stati l'Ufficio federale dell'agricoltura, il consulente PR Sacha Wigdorovits, l'ex presidente del Consiglio nazionale Christa Markwalder (FDP/BE), il Tribunale penale federale, il consigliere nazionale SVP Jean-Luc Addor del Vallese, l'industriale Jørgen Bodum e la Segreteria di Stato dell'economia Seco. (SDA)

(Visitato 117 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento