Quanto è buona la quarta vittoria?

Jung von Matt Limmat sta volando alto. Quattro vittorie di fila nella classifica creativa pubblicata ogni anno da Werbewoche e ADC. Un'intervista con i vincitori Annette Häcki, Luitgard Hagl e Carsten Jamrow.

quer-jvm_happy_222
Umore esuberante alla riunione dell'agenzia via Zoom: Jung von Matt Limmat è felice della sua quarta vittoria nella classifica creativa. I creativi Anette Häcki, Luitgard Hagl e Carsten Jamrow (grande, da sinistra a destra) in un'intervista con Werbewoche.

Settimana della pubblicità: Congratulazioni per il successo! Cosa la rende particolarmente orgoglioso?

Carsten Jamrow: Non è tanto la quarta vittoria di fila che ci rende orgogliosi, ma la continuità che c'è dietro. La vittoria nel 2020 è naturalmente particolarmente memorabile. Ciò che ci rende orgogliosi è la nostra cultura condivisa, la nostra interazione con gli altri e il risultato corrispondente. E il coraggio dei nostri clienti di realizzare un lavoro che faccia parlare di sé e abbia un effetto duraturo.

 

Qual è la composizione del successo? Qual è la ricetta?

Annette Häcki: Nessuna concentrazione (ride). No, seriamente: abbiamo avuto a che fare con molte cose quest'anno - ma probabilmente meno di tutte con la classifica creativa. Corona, come tutte le altre agenzie, ci ha presentato grandi sfide. Come possiamo lavorare in modo creativo come squadra e con i nostri clienti in futuro? Dove andiamo a cercare l'ispirazione? E come manteniamo la nostra cultura aziendale?

Carsten Jamrow: Parola chiave cultura aziendale: che ci crediate o no, i nostri principi guida vengono vissuti ogni giorno. Da "Amiamo il nuovo" a "Rimaniamo insoddisfatti" o "Celebriamo la diversità", ci ricordano di non stare mai fermi, di scoprire un senso nel presunto non senso e di guardare sempre avanti. Ecco perché le classifiche riflettono il passato. E siamo molto meno interessati al passato che al futuro.

Annette Häcki: Esattamente. Di conseguenza, ci auguriamo di continuare a lavorare con i nostri clienti su un piano di parità per sviluppare idee e campagne e attuare misure concrete. A nostro avviso, una stretta collaborazione è la pietra miliare di una comunicazione di marketing di successo. Il nostro successo nelle classifiche creative e l'anno 2020 in generale sembrano confermare questo orientamento.

Carsten Jamrow: ... Principi guida e collaborazione o no: naturalmente non vediamo l'ora di brindare insieme a questa vittoria prima o poi!

 

Luitgard Hagl, hai appena iniziato con Jung von Matt Limmat. La vittoria ha un effetto speciale di segnale per te?

Luitgard Hagl: Assolutamente sì. Per me, naturalmente, è fantastico sapere che inizierò in un'agenzia così importante. Con persone intelligenti che producono il lavoro più creativo del Paese. Ma anche nella nostra nuova costellazione e per il futuro vale quanto segue: concentrarsi poco sui punti creativi e continuare invece a migliorare nell'ampiezza dell'attività quotidiana.

 

Con Dennis Lück, dovete affrontare la partenza di una persona che è stata fondamentale per le vittorie, come vi posizionerete in futuro?

Annette Häcki: Ecco come stanno le cose. Dennis e la classifica, che è ovviamente un'istituzione. Ma non cambieremo il nostro orientamento in futuro e continueremo a credere nel "potere dei molti". Nell'Excellence Board appena lanciato, che consiste di Luitgard, Carsten, Stefan Naef e me, lo attuiamo in modo coerente. Insieme ci occupiamo della produzione creativa dell'agenzia.

JvM_Kreativspitze
Nuovi membri del consiglio di eccellenza Jung von Matt Limmat: Annette Häcki, Luitgard Hagl e Carsten Jamrow (da sinistra a destra).

Guardiamo più in là nel futuro. Voi ancorate la filosofia di abbattere il pensiero a silos nel nuovo ecosistema creativo. Cosa si può immaginare con questo?

Carsten Jamrow: L'abbattimento dei silos non è una novità: sono già due anni che lavoriamo in team interdisciplinari. Ma ciò che stiamo consolidando ulteriormente con l'ecosistema creativo è il disaccoppiamento tra leadership professionale e coaching personale e l'interdisciplinarità della leadership. Concretamente, ciò significa che l'Excellence Board assiste i team nel loro lavoro quotidiano e nella loro produzione creativa. Siamo responsabili della scrittura dell'agenzia, per così dire. L'Empowerment Board, invece, è responsabile dello sviluppo dei dipendenti a livello individuale. E qui conduciamo in modo interdisciplinare: in quanto creativo, il mio coach dell'Empowerment Board può essere anche una persona che si occupa di strategia o di consulenza.

Luitgard Hagl: Con questa impostazione, realizziamo una comunicazione efficace. Al più tardi nel 2021, ciò sarà possibile solo insieme. Sono necessari meno ego e più fiducia. Le regole dei gloriosi anni '90, in cui le gerarchie rappresentavano solo il valore di un dipendente, sono definitivamente superate.

 

A proposito di gerarchie: Nel contesto dell'ecosistema creativo, continui anche a parlare di come la gerarchia uccida la creatività. Allo stesso tempo, si introducono varie schede. Come si concilia questo?

Luitgard Hagl: Va molto d'accordo (ride). I consigli non sono un ulteriore livello gerarchico, ma un servizio per la creazione e, nel caso del consiglio di empowerment, un servizio per tutti i dipendenti. Offriamo un punto di vista esperto che aiuta a risolvere le sfide dei progetti in modo ancora più creativo, migliore e, alla fine, misurabilmente più efficace. In senso figurato: Portare coerentemente le PS, che la classifica ci certifica, sulla strada di tutti i giorni. E per permettere a tutti i nostri clienti di trarne vantaggio.

Annette Häcki: I nostri team lavorano in modo collaborativo e auto-organizzato. Un'autorità creativa che prende decisioni dalla sua torre d'avorio è fuori luogo. L'ecosistema creativo dovrebbe anche offrire ai dipendenti diverse opportunità di carriera.

 

Cosa significa questo in termini concreti?

Carsten Jamrow: La posizione di partenza in Jung von Matt non influenza necessariamente la mia carriera in agenzia. Da un lato, posso spostare la mia attenzione, dall'altro, un prossimo passo di carriera non significa necessariamente responsabilità personale. Un copywriter senior può avere lo stesso livello di stipendio di chi gestisce tre persone in modo interdisciplinare. È inoltre possibile che i nostri dipendenti si sviluppino nella direzione della "Client Relation" o che diventino lavoratori autonomi all'interno della rete Jung-von-Matt. Il concetto di carriera è il più aperto e flessibile possibile.

Luitgard Hagl: ... e per questo offriamo il nostro programma di tirocinio "Future Creative Leaders". I nostri tirocinanti non iniziano in un'area specifica, ma conoscono l'agenzia e tutte le sue sfaccettature durante i primi tre mesi. Nella seconda metà del tirocinio, possono quindi decidere il loro primo obiettivo. La nostra prima "classe" di futuri leader creativi ha appena iniziato il secondo semestre e si occupa di tutto, dalla creazione alla strategia alle relazioni con i clienti.

 

Parola chiave: perfezionamento dei giovani. Anche questo fa parte della filosofia. Cosa possono imparare le agenzie di successo dalla prossima generazione?

Annette Häcki: Crediamo che sia proprio così. Ecco perché perseguiamo anche la strategia "Prima i giovani". Il che, a dire il vero, richiede anche un po' di coraggio. Tutti tendiamo ad assumere qualcuno che ha già molti anni di esperienza e che quindi presumibilmente fa un lavoro migliore. Stiamo cercando di allontanarci da questa idea. Solo perché una cosa "è sempre stata fatta in questo modo" non significa che un altro modo non possa essere più veloce, più interessante o migliore.

Carsten Jamrow: È soprattutto l'imparzialità dei giovani talenti che ci ispira come agenzia. Come parte del programma di tirocinio, cerchiamo anche esplicitamente persone con background molto diversi. Questo arricchisce l'agenzia, il lavoro comune e in definitiva anche il risultato creativo.

 

Il 2021 sarà un altro anno di premiazioni, o vi state rilassando un po' per concentrarvi sul riallineamento?

Carsten Jamrow: Anche quest'anno non ci concentreremo sui premi, ma sulla produzione di un lavoro eccellente con i nostri clienti. Non ho dubbi che avremo successo con clienti come Coop, Mobiliar e Zalando.

Annette Häcki: E il 2021 dovrebbe, naturalmente, essere un anno stimolante anche per i nostri dipendenti. Sono fiducioso che raggiungeremo entrambi gli obiettivi. Le esperienze dell'anno passato - sia con i clienti che come agenzia - ci hanno rafforzato nel nostro percorso scelto.

 

Jung von Matt Limmat del futuro: può darci una prospettiva?

Luitgard Hagl: Non conosco la Jung von Matt Limmat del passato come Annette e Carsten, ma forse è questo che aiuta a formulare una visione per il futuro. Negli ultimi anni, l'agenzia ha implementato nuovi processi, strutture e modalità di lavoro in modo per me impressionante. Tutto ciò di cui molte altre agenzie possono solo parlare in termini di parole d'ordine o ancora sognare. La mia visione è quindi: l'agenzia numero uno per i clienti di prima classe e i migliori dipendenti.

Altri articoli sull'argomento