Nathalie Wappler è la "Media Manager dell'anno" svizzera

La giuria della rivista Schweizer Journalist ha convenuto che non è stato un anno facile trovare un "Media Manager dell'anno". Alla fine, la scelta è caduta all'unanimità su Nathalie Wappler.

wappler.jpg

La scelta di quest'anno è stata difficile soprattutto perché questa persona non deve solo avere un occhio alle cifre, ma deve anche aver reso servizi eccezionali al giornalismo, come si legge in un comunicato. "La direttrice della SRF deve ovviamente anche risparmiare e tagliare posti di lavoro, ma non lo sta facendo con un tosaerba, ma sta integrando il deterioramento delle condizioni economiche nella strategia "SRF 2024". Nel quadro di questa strategia, niente meno che il ruolo del servizio pubblico nell'era digitale deve essere chiarito. Mentre, da un lato, taglia vecchi legami e prende decisioni impopolari, come con l'abolizione di "Eco", "Netz Natur" e "52 Best Books", dall'altro investe nel giornalismo (desk di ricerca, giornalismo investigativo, redazioni specializzate). Inoltre, ha formati sviluppati per i social media e cerca di creare un'atmosfera di partenza all'interno. Deve ancora lavorare su quest'ultimo", dice. Wappler non ha paura di fare il botto quando è convinta di fare la cosa giusta. Nella sua posizione di capo di un'istituzione pubblica nella zona di tensione tra aspettative pubbliche e politica, questo richiede molto coraggio.

Il premio "Media Manager of the Year" viene assegnato ogni anno a un dirigente del management dei media svizzero che, con il suo lavoro, promuove le basi del giornalismo e allo stesso tempo dà un importante contributo alla società. "Un buon giornalismo ha necessariamente bisogno di una buona gestione. Vogliamo renderlo chiaro con questo premio, soprattutto nell'anno di Corona, e allo stesso tempo apprezzare il lavoro di eccezionali manager dei media", Johann Oberauer, editore del Giornalista svizzero, citato nella comunicazione.

(Visitato 65 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento