Secondo uno studio, l'influenza della Gen Z sulle aziende è in rapida crescita

L'influenza della Generazione Z sulla società sta crescendo rapidamente, con una crescente pressione al cambiamento anche per le aziende. Secondo uno studio di Pressrelations Human Unlimited e Zukunftsinstitut Workshop, è necessario creare nuove offerte di identità e riorganizzare le strategie di marketing e delle risorse umane.

La giovane generazione sta voltando le spalle a molti valori precedentemente condivisi e sta stabilendo un nuovo paradigma, olistico e orientato alla sostenibilità, per il futuro.

La conseguente pressione sociale al cambiamento ha un impatto massiccio sul modo in cui le aziende gestiscono il reclutamento e la gestione delle risorse umane, sul modo in cui progettano le loro attività di marketing e su quali prodotti possono conquistare questa generazione come consumatori. In futuro, l'attenzione deve essere rivolta allo sviluppo anziché alla crescita, al meglio anziché al di più. Ciò richiede il completo rinnovamento di tutte le visioni aziendali esistenti verso un maggiore olismo.

Le narrazioni più comuni

Un'analisi di FirstSignals condotta per lo studio mostra: Se si somma la risonanza mediatica di tutte le tendenze culturali che caratterizzano la Gen Z, come la cura di sé, l'LGBTQ, la wokeness, la body positivity o la paura del clima, e si intende questo complesso di argomenti come espressione della formazione dell'identità, allora questa è attualmente la quarta più grande narrazione sociale comunicata dai media dopo la crisi climatica, la digitalizzazione e la sostenibilità. Se a questo aggiungiamo i grandi temi che sono strettamente legati alla Gen Z, come l'uguaglianza, il veganismo, la diversità o la discussione di genere, la presenza mediatica di questo complesso di argomenti si colloca direttamente dietro il top topic globale del cambiamento climatico.

"Siamo nel bel mezzo di un profondo cambiamento dei tempi, innescato esplicitamente da una generazione che sta portando nella società una mentalità sostanzialmente diversa dalla cultura che ha prevalso finora", afferma Oliver Heyden, Chief Strategy Officer di Pressrelations. "Attraverso di loro, crisi climatica, sostenibilità, digitalizzazione, diversità e femminismo stanno avanzando per diventare grandi narrazioni del nostro tempo. Questo sviluppo è il segnale di partenza per profondi cambiamenti nel mondo politico, sociale ed economico plasmato dalle generazioni più anziane".

Cosa devono fare le aziende?

Mentre la società si trasforma, anche le aziende devono agire. La domanda chiave è questa: Cosa significa per le aziende la ricerca di identità da parte della generazione Z? Quali offerte di identità possono fare le aziende ai loro futuri dipendenti - e quale identità devono rappresentare loro stesse nel processo? In che modo le loro strategie di risorse umane, marketing e prodotti supportano uno stile di vita sostenibile?

Le aziende stanno già sentendo gli effetti di questo nuovo vento per quanto riguarda le assunzioni: le parole chiave sono "grandi dimissioni" e "anti-lavoro". Il divario retributivo tra i sessi, la mancanza di equilibrio tra lavoro e vita privata e i rapporti patriarcali sono diventati problemi considerevoli e fanno sì che sempre meno dipendenti si sentano strettamente legati alla propria azienda. I responsabili delle risorse umane devono quindi già formulare buone risposte alle domande molto critiche dei loro futuri dipendenti.


Il libero Studiare "La generazione mette in discussione tutto: non si vede, ma è enorme". di Pressrelations, Human Unlimited e Zukunftsinstitut Workshop ha l'obiettivo di fornire ai responsabili della comunicazione e delle risorse umane una guida per comprendere, raggiungere e fidelizzare meglio la Gen Z.

(Visitato 480 volte, 1 visite oggi)

Altri articoli sull'argomento