Weko approva l'acquisizione di UPC

Dopo un esame approfondito, la Commissione svizzera della concorrenza (WEKO) non ha sollevato obiezioni all'acquisizione di UPC Svizzera da parte di Sunrise e ha approvato la transazione senza condizioni né obblighi.

upc-sunrise-freenet

L'acquisizione prevista ha suscitato l'interesse della Comco, che ha deciso in giugno di esaminare la transazione in modo più dettagliato. (Werbewoche.ch riportato). Ora questo potenziale ostacolo è stato rimosso. Il Weko approva l'acquisizione senza condizioni né obblighi.

Questa decisione conferma l'opinione di Sunrise che la transazione darà all'azienda significativi vantaggi competitivi e la renderà un concorrente ancora più forte. Oltre a importanti risparmi sui costi, la transazione dovrebbe portare a un significativo potenziale di cross-selling, in particolare nell'area wholesale. Di conseguenza, la transazione dovrebbe anche creare un valore sostanziale per i suoi azionisti e assicurare la redditività a lungo termine di Sunrise.
 
"Con l'approvazione del Weko, abbiamo raggiunto un'importante pietra miliare sulla strada verso New Sunrise. Con l'acquisizione di UPC Svizzera da parte di Sunrise, la Svizzera avrà il principale sfidante nel mercato delle telecomunicazioni e un forte partner per l'economia", dice Olaf Swantee, CEO di Sunrise.
 
Gli ostacoli normativi per il completamento della transazione sono stati così rimossi. Il prossimo passo sarà quello di approvare una risoluzione sull'aumento di capitale richiesto all'assemblea generale annuale, che dovrebbe aver luogo il 23 ottobre 2019. Tuttavia, vari azionisti, tra cui il più grande azionista singolo di Sunrise, Freenet, si sono espressi contro l'acquisizione di UPC. (Werbewoche.ch riportato). Quindi non tutti gli ostacoli sono stati ancora eliminati.

Freenet non vede alcuna logica nella prevista acquisizione

Come il Handelszeitung scrive nel suo numero attuale, il principale azionista di Sunrise, Freenet, si è nuovamente espresso contro qualsiasi modifica dell'accordo da un miliardo di euro poco prima della decisione della Weko. Inoltre, il fornitore tedesco di telecomunicazioni dice che non vede più alcuna logica industriale nell'acquisizione di UPC. 

Christoph Vilanek, CEO di Freenet e membro del consiglio di amministrazione di Sunrise, sull'annuncio del CEO di Sunrise Olaf Swantee di cambiare la struttura del capitale dell'accordo: "Siamo delusi dal timido approccio; questo non è un impegno per un cambiamento fondamentale nella strategia, ma solo una foglia di fico. L'approccio dimostra quanto sia nervoso il management in vista dell'assemblea generale straordinaria". Un rapporto di indebitamento più alto, fino a quattro volte l'Ebitda di UPC-Sunrise, come viene fatto circolare tra gli investitori istituzionali, è certamente in linea con la richiesta originale di Freenet. 

Ma la situazione non è più la stessa di quando i negoziati sono stati formalmente conclusi all'inizio dell'anno, dice Vilanek: "La logica industriale per la transazione UPC non esiste più oggi. Il 5G è ora una seria sostituzione della rete via cavo". All'epoca, dice, la gente semplicemente sottovalutava l'enorme potenziale del mobile veloce nell'uso interno di internet. "Quindi Sunrise investirebbe in una tecnologia già obsoleta se prendesse il controllo di UPC Svizzera". Questo ridurrebbe massicciamente il tempo di ritorno di un progetto di dieci anni per la rete UPC. "L'affare semplicemente non è più redditizio". (swi/pd)

(Visitato 31 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento