FCB Zurigo disegna la maglia di HCD

Grazie all'FCB Zurigo, l'HCD giocherà in blu e giallo per la prima volta in oltre 20 anni.

maxresdefault

I colori blu e giallo sono inseparabilmente legati al Davos Hockey Club. Tutti sono d'accordo su questo. È ancora più sorprendente che l'HCD abbia giocato con maglie gialle e bianche o addirittura blu e bianche per oltre 20 anni. La ragione di ciò sono le superfici bianche degli sponsor, che hanno spinto il secondo colore del club in secondo piano.

In stretta collaborazione con l'HC Davos e i suoi sponsor, l'agenzia FCB Zurigo ha disegnato le nuove maglie del campionato completamente in blu e giallo per la prima volta in questo millennio. Con questo e la vecchia scritta Davos, le nuove maglie da casa ricordano le maglie più popolari dell'HCD del passato. Dettagli amorevoli sottolineano ulteriormente l'origine. Il colletto in filigrana è allacciato come ai vecchi tempi e lo stemma di Davos troneggia nella punta del colletto. Il logo HCD stesso è sulle maniche.

trikot-hcd

In contrasto con la maglia blu della casa, la maglia gialla da trasferta ha un colletto moderno e un grande logo HCD sul davanti. Le maniche presentano due stambecchi e l'anno della stagione corrente. Tuttavia, l'innovazione più sorprendente qui è certamente anche che le aree sponsor sono state progettate nel secondo colore del club per la prima volta.

Un contrattempo era all'inizio dell'idea

"L'idea della nuova maglia è nata durante la realizzazione di un film sull'HCD, dove il montatore aveva erroneamente inserito una scena di gioco con due giocatori del Kloten. È stato allora che ci siamo resi conto di quanto siano simili i colori delle due maglie e che l'HCD in realtà ha sempre giocato in bianco e blu negli ultimi anni. Quando poco dopo è arrivato il briefing per la nuova maglia del campionato, era chiaro: il bianco doveva sparire e il Davos doveva tornare ad essere il Davos", dice il direttore creativo Andy Lusti sullo sviluppo della nuova maglia e continua: "Per il design, ci siamo ispirati alle maglie del Davos più popolari del passato. Allo stesso tempo, abbiamo voluto cogliere l'occasione per rimettere il club in primo piano e non avere più i giocatori che si agitano come pilastri di litfass".

L'HCD era entusiasta della visione blu e gialla. E anche gli sponsor principali hanno sostenuto l'idea fin dall'inizio. Gli altri sponsor seguirono a poco a poco, finché alla fine tutti gli sfondi colorati furono banditi dalla maglia.

Un ultimo ostacolo era rappresentato dai rigidi regolamenti della Federazione svizzera di hockey su ghiaccio. Questi definiscono anche il più piccolo dettaglio, dai colori ai posizionamenti alle dimensioni. Per esempio, ogni corpetto deve avere almeno 80% dello stesso colore. "Dato che nessuno ha ancora avuto l'idea di usare anche l'area dello sponsor come elemento di design, il nostro nuovo design è stato approvato comunque". Andy Lusti è soddisfatto.

Gli sforzi hanno dato i loro frutti, come nota con sollievo il responsabile del marketing e delle sponsorizzazioni Marc Gianola: "L'84 per cento delle persone interrogate gradisce le nuove maglie secondo un sondaggio della Südostschweiz". E la leggenda dell'HCD aggiunge: "Il più grande ringraziamento per le nuove maglie va ai nostri sponsor. La Banca Cantonale Grigione, il Gruppo Burkhalter, la Ferrovia Retica, BMW, Albert Spiess, Südostschweiz Medien, Hotel Seehof, Katadyn Groupe e R&S Print hanno deliberatamente rinunciato ai loro colori di fondo, dimostrando così in modo impressionante che il blu-giallo è sopra ogni cosa per loro".

Responsabile del Davos Hockey Club: Marc Gianola (capo del marketing e delle sponsorizzazioni). Responsabile presso FCB Zurigo: Andy Lusti (direzione creativa), Fabian Rietmann (direzione artistica), Margrit Weber, Olivia Spinatsch (consulenza), Olivier Walther (foto), Elgee We, Emanuel Büchler (sviluppo contenuti film).

(Visitato 102 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento