Forum dell'intrattenimento a 360°: Uno spirito di ottimismo nell'industria del live

A quello che è diventato il più grande evento dell'industria dell'intrattenimento svizzera, il 360° Entertainment Forum organizzato da Ticketcorner e ESB, l'atmosfera era di ottimismo. Dopo due anni di pandemia, tutti sono finalmente in attesa della normalità - anche se sarà diversa da quella del 2019.

Sorpresa al 360° Entertainment Congress: l'esibizione del rapper Stress (Foto: Gabriele Griessenböck).

Dopo due anni di pausa pandemica forzata, i rappresentanti dell'industria svizzera dello spettacolo dal vivo si sono finalmente riuniti in un grande congresso ad Andermatt il 29 e 30 marzo. Il 360° Entertainment Forum di Andermatt si è tenuto per la sesta volta e ha attirato un numero record di 400 partecipanti. Il ritorno dell'industria è anche una partenza.

"La nuova normalità sarà la vecchia normalità?" è stata la ripida domanda con cui il co-conduttore Andreas Angehrn, CEO di Ticketcorner, e Hans-Willy Brockes, amministratore delegato di ESB Marketing Netzwerk, hanno iniziato l'evento. Gli oratori hanno dato subito delle risposte, primo fra tutti Samih Sawiris. Durante la sua apparizione, l'imprenditore del turismo ha sottolineato quanto sarà importante l'intrattenimento al di fuori dei soliti luoghi. Per esempio, ad Andermatt, dove i concerti di alta qualità creano un valore aggiunto al di fuori del classico turismo invernale. Mathieu Jaton, CEO del Montreux Jazz Festival, ha persino sottolineato: "Il contenuto non è più il re". I nuovi re sono gli artisti e i loro fan insieme. Dovrebbero riunirsi in un'economia "creatrice". L'intrattenimento sta diventando sempre più un sistema a 360° di "pubblico - marchio - contenuto".

Corona ha spinto le tendenze

Questo cambiamento è già avvenuto durante Corona. Per esempio, diversi organizzatori hanno sviluppato nuovi formati in cui ai visitatori vengono assegnati diversi ruoli, come il "Migros Hiking Sounds". Qui i fan della musica sono diventati attori che hanno dovuto fare un'escursione ai loro concerti. O all'"Art on Ice Special - Dinner Show", dove il cibo veniva cucinato per un pubblico più piccolo e gli ospiti finivano per essere parte dell'evento sul ghiaccio dell'Hallenstadion. O il festival "Summer Now" a Biel. "Tre punti erano importanti per noi: partecipazione, regionalità e oasi di benessere", riassume Marcel Sallin, direttore generale di Summer Now. Un piccolo raduno su un ramo in cui era coinvolta un'intera regione. Cominciando dai musicisti e finendo con il catering.

Il live è chiaramente più richiesto

Formati innovativi e la prospettiva di una certa normalità dopo due anni. Il 2022 può diventare un anno piacevolmente memorabile. Tutti i segni indicano questo. Julia Asseburg del Link Institute for Market and Social Research, prevede per l'industria dell'intrattenimento: "Vincerete! Come risultato della sua indagine, lo spettacolo dal vivo avrà un potenziale di crescita del 31%. Lo streaming, d'altra parte, che è popolare nella pandemia, è probabile che scenda significativamente, fino al 10 per cento.

Anche gli organizzatori del festival ne sono consapevoli. I primi festival come l'Openair St. Gallen sono già esauriti. E sarà un rilancio con un nuovo pubblico. "Il 2022 non sarà come il 2019", dice Christof Huber, direttore Festivals del Gadget abc Entertainment Group. "Ci saranno molti giovani che verranno a sperimentare il loro primo festival, perché due anni hanno dovuto rimandare la loro prima durante Corona". E questi giovani vengono anche con la sostenibilità in mente. Jacob Sylvester Bilabel, fondatore della Green Music Initiative, ha indicato la strada: non perdetevi in tanti piccoli programmi di sostenibilità, ma fate le cose che fate bene.

André Béchir e il suo libro

A 360° Entertainment, il nome era anche il programma. Il rapper Stress ha fatto un'apparizione molto insolita. A causa della tempistica - la mattina poco prima delle 10. E la leggenda dell'industria André Béchir, Senior Advisor di Gadget abc Entertainment Group, ha permesso al pubblico di immergersi in profondità nella vita interiore della musica rock. Dal pianoforte a coda che una superstar ha affondato nella piscina dell'Atlantis di Zurigo, alla rock star americana che non era comoda nella funivia, ai momenti umani delle superstar. Parlando con il presentatore Sven Epiney, il pioniere dello spettacolo dal vivo Béchir ha suggerito che le sue storie dovrebbero un giorno essere pubblicate in forma di libro. Alla fine, ha invitato l'industria a portare con sé l'unità della pandemia e a tenere uniti gli interessi di tutti nella vita quotidiana. E soprattutto: "Dobbiamo conquistare la fiducia della gente. Ci vuole molto cuore e anima - e non il regolo calcolatore". L'industria ha dimostrato in modo impressionante questo cuore e anima ad Andermatt. Non vede l'ora di essere finalmente "di nuovo in vita".


Al sito web di 360° Entertainment

(Visitato 197 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento