26 stabilimenti cooperano come "Responsible Hotels of Switzerland

26 imprese leader svizzere della sostenibilità ecologica e sociale cooperano e fondano i Responsible Hotels of Switzerland. La cooperazione alberghiera è una vetrina per i viaggiatori responsabili che sono rispettosi della natura e delle persone, ma che vogliono anche sperimentare esperienze arricchenti e orientate alla natura.

L'iniziatore di questa cooperazione alberghiera è l'associazione Responsible Hotels of Switzerland sotto la guida del suo presidente Valentin Bot, che gestisce anche l'hotel di punta Kartause Ittingen a Warth. 26 imprese alberghiere di nove regioni svizzere e categorie di stelle da 3 a 5 stelle superiori potrebbero essere conquistate da questa idea. "Vorremmo essere un gruppo di 40-50 hotel con un carattere forte che prestano grande attenzione al tema della sostenibilità entro un anno da oggi", ha detto Bot nella sua introduzione. 

Secondo il Sustainable Travel Report 2021 di Booking.com, l'81% dei viaggiatori vuole prenotare alloggi sostenibili dal punto di vista ambientale e sociale. È un cliché superato che i cosiddetti eco-viaggiatori sono giovani e spendono poco. Gli ultra 45enni vogliono viaggiare in modo responsabile come i Millenials. Secondo il sondaggio per gli ospiti "Tourism Monitor Switzerland" di Svizzera Turismo, la percentuale di eco-viaggiatori che si permettono un bell'alloggio è addirittura leggermente superiore alla media. "La sostenibilità non è un motivo di viaggio primario, ma sempre più la differenziazione nella scelta finale. Ed è qui che sempre più persone optano per l'hotel più sostenibile", dice Jürg Schmid, co-proprietario di Schmid Pelli & Partner, che ha moderato l'evento mediatico.

26 hotel membri con carattere individuale

I membri sono imprese alberghiere con una comprovata esperienza di alta qualità. Tutti si assumono la responsabilità - tutti a modo loro. Rigorosi criteri di ammissione sono per garantire questo e sono verificati dal consiglio. Acquisti regionali coerenti, niente plastica, posti di lavoro e apprendistato accompagnati o infrastrutture a risparmio energetico: tutti i membri dimostrano l'eccellenza in un campo di applicazione specifico. Gli hotel membri hanno ottenuto o otterranno la certificazione di sostenibilità, si sforzano di raggiungere il più alto livello III di Swissstainable (Svizzera Turismo) e lavorano insieme a partner di sostenibilità.

I Responsible Hotels of Switzerland perseguono quattro obiettivi. In primo luogo, la cooperazione alberghiera è una vetrina per rendere visibili gli investimenti operativi nella sostenibilità e per aggiungere valore. In secondo luogo, mira ad attrarre ospiti con esigenze e abitudini di viaggio sostenibili. In terzo luogo, la cooperazione si posiziona come centro di competenza e leader tematico. E in quarto luogo, la cooperazione promuove lo scambio di esperienze tra le imprese associate.

Il sito web Responsiblehotels.ch viene continuamente integrato con informazioni complete sugli sforzi delle imprese in materia di sostenibilità. Ma anche le esperienze che i singoli stabilimenti offrono ai loro ospiti sono elencati sul sito web. Un buono di Responsible Hotels of Switzerland, che può essere riscattato in qualsiasi hotel membro, è inteso come un regalo con significato e potere simbolico.


INTERVISTA

"I nostri ospiti sono esigenti quanto noi".

Tiziano Pelli, amministratore delegato di Responsible Hotels of Switzerland e comproprietario dell'agenzia Schmid Pelli & Partner, in un'intervista a Werbewoche.ch.

Werbewoche.ch: Come è nata l'idea dei "Responsible Hotels of Switzerland"?

Tiziano Pelli: Schmid Pelli & Partner è in stretto contatto con molti albergatori svizzeri. Le discussioni hanno rivelato che numerose imprese alberghiere stanno già affrontando la questione della sostenibilità da molti anni, hanno investito molto tempo e hanno anche fatto grandi investimenti. Tuttavia, l'economizzazione di questi sforzi è stata difficile. Il fatto che la questione della sostenibilità sia stata addirittura intensificata dalla pandemia è stato il motivo per cui abbiamo lanciato la cooperazione alberghiera Responsible Hotels of Switzerland. D'altra parte, ci siamo resi conto che le persone che si preoccupano della sostenibilità non hanno una guida per i loro piani di vacanza. Con Responsible Hotels of Switzerland, l'ospite potenziale ha una piattaforma credibile.

 

Quali sono state le maggiori sfide durante il lancio?

Determinare i criteri per i quali gli hotel potevano essere inclusi ha richiesto tempo. Da un lato, non vogliamo essere una piattaforma che fa il lavaggio verde degli hotel. D'altra parte, il tema della sostenibilità è abbastanza ampio e ha molte sfaccettature. Questo significa che un'impresa non può essere al top ovunque. Ogni business ha un focus diverso. La passione della direzione dell'hotel per l'argomento è decisiva, ma non sempre quantificabile in cifre. Pertanto, alla fine è emerso un mix di metriche qualitative e qualitative.

 

Quanto tempo ci è voluto per conquistare queste 26 aziende leader per questa associazione?

In tre mesi abbiamo trovato le aziende e le abbiamo convinte del nostro concetto.

 

La cooperazione deve continuare a crescere? C'è un limite di dimensioni?

Crediamo che la cooperazione alberghiera possa comprendere alla fine circa 40-50 strutture, distribuite in tutta la Svizzera.

 

Ogni azienda deve dimostrare l'eccellenza in almeno un settore. Ci sono anche Criteri di base che devono essere soddisfatti?

I criteri di base più importanti sono che la struttura ottenga una valutazione di almeno 8,7 su Booking.com o 4,5 su Trustyou. Questo la dice già lunga sulla qualità del locale. Dopo di che, anche la posizione dell'hotel era importante per noi. L'ospite dovrebbe essere in grado di godersi una vacanza lì. Infine, abbiamo anche dato importanza al fatto che si tratta di stabilimenti indipendenti che hanno tutti un proprio carattere.

 

La sostenibilità nel settore alberghiero può essere raggiunta senza un grande aumento dei costi, o alla fine è una proposta costosa?

Ci sono molti approcci che possono essere implementati senza spendere molto denaro. In cucina, per esempio, puoi affidarti a prodotti puramente biologici, comprare solo prodotti della regione o seguire l'approccio rumore-coda. Ci sono hotel che entrano in partnership con altri fornitori di servizi, come apicoltori, panettieri e altri che sono molto sostenibili. Altri hotel, invece, fanno attenzione a un funzionamento senza plastica. Spesso non è una questione di soldi, ma piuttosto di concetto e di convinzione.

 

Un hotel gestito in modo sostenibile ha anche dei vantaggi nell'acquisizione di eventi aziendali? 

Sicuramente. Un'azienda che vuole essere sostenibile fa i suoi eventi, seminari e congressi in luoghi che sono anche sostenibili. Questo è il modo più semplice per loro di sottolineare le loro aspirazioni sostenibili.

 

Come si comunica concretamente la sostenibilità?

100%. Il nostro posizionamento è: "Il gruppo alberghiero Responsible Hotels of Switzerland unisce le imprese leader della sostenibilità ecologica e sociale. I nostri membri sono strutture indipendenti, di carattere, in luoghi bellissimi e di alta qualità. I nostri ospiti sono esigenti quanto noi: vogliono divertirsi in modo sentito, senza privazioni e responsabile. Vogliamo dare agli ospiti con alti standard di viaggio responsabile una soluzione. I Responsible Hotels of Switzerland sono gli alberghi svizzeri sostenibili".

 

Sono previsti eventi e campagne specifiche?

La piattaforma vive in gran parte dei contributi degli hotel membri. Questo significa che non sono possibili grandi campagne. Noi comunichiamo principalmente attraverso le numerose storie. Queste storie possono essere di natura infrastrutturale. Cioè, un modo speciale nella produzione di energia o nella costruzione dell'edificio. Ma ci sono anche molte storie di concetti che vengono vissuti negli hotel. Per esempio, l'integrazione di persone con disabilità nell'hotel, un concetto di spreco alimentare o la cooperazione con il contadino biologico della porta accanto. Sempre più spesso, gli hotel sviluppano anche offerte eccitanti come la pesca a mosca, il bagno nella foresta o la passeggiata silenziosa nella neve. Anche queste sono grandi storie.

 

Come funziona lo scambio tra gli hotel?

Si promuove attivamente il "networking" e lo scambio di esperienze tra le aziende associate. Almeno un simposio si tiene ogni anno. Gli esperti riferiscono sulle ultime scoperte, tecnologie, soluzioni e metodi di produzione della sostenibilità ecologica e sociale nell'industria alberghiera, della ristorazione e del cibo. Inoltre, sono possibili approfondimenti e lo scambio di esperienze sulle migliori pratiche nel settore alberghiero e della ristorazione nazionale e internazionale.

Uno dei 26 hotel partecipanti: Belvedere Grindelwald.

Il Ticino Tiziano Pelli ha vissuto per molti anni a Milano e da lì ha commercializzato la patria per Svizzera Turismo. Quando si è trasferito a Zurigo, è diventato responsabile della gestione del personale e si è occupato di progetti strategici, ricerche di mercato e comunicazioni aziendali. Pelli ha anche gestito progetti come la concezione e la realizzazione di tutte le attività legate ai "100 anni di Svizzera Turismo" e lo sviluppo del call center "Contact Switzerland". In precedenza, Pelli è stato membro del comitato esecutivo di un'agenzia di Zurigo. L'economista ha studiato all'Università di San Gallo e ora è un imprenditore indipendente e co-proprietario dell'agenzia Schmid Pelli & Partner.

(Visitato 275 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento