KKL: lo studio sull'aerosol fornisce la base per ulteriori passi di apertura

Uno studio sull'aerosol dell'Università di Scienze Applicate e Arti di Lucerna e della SCOEH mostra che l'efficienza della ventilazione nel KKL di Lucerna è buona per la maggior parte. Viene così data una base per ulteriori passi di apertura, come scrive il centro culturale.

Lo studio mostra che il flusso d'aria nella sala da concerto soddisfa ampiamente le aspettative e che la contaminazione trasportata dall'aria è efficacemente dissipata nell'area del pubblico. I risultati confermano anche che il rischio di infezione può essere significativamente minimizzato con misure protettive coerenti e che si possono creare condizioni sicure per i visitatori nella sala da concerto. Questi risultati incoraggianti, scrive il KKL Luzern, fornirebbero un'ottima base scientifica per le fasi di apertura graduale previste nei prossimi mesi.

Insieme ai suoi partner Lucerne Festival e Lucerne Symphony Orchestra, il KKL Luzern aveva incaricato la Scuola universitaria professionale di Lucerna e il Centro svizzero per la salute professionale e ambientale SCOEH di studiare il rischio di trasmissione del virus nella sala da concerto dal punto di vista della ventilazione. Lo scopo dello studio era quello di fornire una solida base scientifica per la discussione sui prossimi passi di apertura per l'industria degli eventi. La sala da concerto del KKL Luzern è dotata di un sistema di ventilazione speciale in cui l'aria di alimentazione viene immessa sotto i sedili nella zona del pubblico. Questo ha lo scopo di rimuovere gli aerosol e altri inquinanti dell'aria emessi dai visitatori in modo più efficace che con la pura ventilazione mista.

Le misurazioni sono state effettuate alla fine di aprile in presenza dei musicisti e del pubblico (più di 80 persone in totale) in condizioni realistiche. L'efficacia della ventilazione è stata studiata da un lato con gas in traccia e dall'altro con un aerosol di prova in diverse aree della sala, tenendo conto della ventilazione e dell'attività degli utenti della stanza (emettitore e persona esposta). Gli aerosol utilizzati erano di dimensioni simili a quelli rilasciati dalle persone che respirano e parlano.

Lo studio mostra che l'inquinamento dell'aria nell'area pubblica viene rimosso molto più efficacemente che con una ventilazione puramente mista. Insieme al generoso design del sistema di ventilazione e al grande volume della stanza, questo risulta in un rischio di infezione che può essere classificato come basso per la maggior parte se il concetto di protezione viene rispettato. Solo i suonatori di fiati e i cantanti presentano un rischio leggermente maggiore per gli altri musicisti che cantano o suonano strumenti a fiato senza maschera, così come per la prima fila della platea. Le maschere protettive semplici con un'efficienza di ritenzione del 25% sono state utilizzate come base per lo studio. Con una maschera certificata (75%) o una maschera FFP2 (95%), il rischio residuo può essere notevolmente ridotto.

I risultati dello studio saranno condivisi con le autorità e i gruppi interessati nel senso di uno scambio di esperienze. Sono stati incorporati nel concerto di prova con oltre 500 ospiti dell'Orchestra Sinfonica di Lucerna, che si è tenuto con successo giovedì con il massimo livello di sicurezza per ospiti e musicisti. I risultati costituiranno una base importante per il Festival di Lucerna dal 10 agosto al 12 settembre 2021, l'ulteriore apertura del KKL Luzern e l'inizio della stagione dell'Orchestra Sinfonica di Lucerna con il suo nuovo direttore principale Michael Sanderling il 20 ottobre 2021, scrive il KKL nel comunicato stampa.

Per la messa in scena del Festival estivo, il Festival di Lucerna ha deciso consapevolmente di affidarsi non solo all'uso obbligatorio delle maschere, ma anche a una disposizione dei posti a sedere con distanze di sicurezza, riducendo così al minimo il rischio di infezione. Il KKL Luzern utilizza lo studio come base per consentire ulteriori agevolazioni a tutti gli organizzatori di concerti a partire da luglio, nel costante rispetto delle condizioni vigenti, e per tornare passo dopo passo alle operazioni normali.

Lo studio fornisce anche informazioni importanti per il funzionamento sicuro dei luoghi di grandi eventi in tempi di una pandemia, secondo il KKL. La procedura di misurazione scelta potrebbe anche essere trasferita ad altre sedi di eventi in Svizzera con caratteristiche tecniche simili, in modo che possano essere esaminate in modo rapido ed efficiente dagli esperti.

(Visitato 140 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento