Incontri e celebrazioni in un habitat animale

TIERPARK Il 9 novembre 2014, il parco naturale e animale di Goldau ha aperto il "Grüne Gans". Il ristorante dispone di nuove sale per piccoli e grandi eventi dove si può cenare e festeggiare. Prima o dopo, si raccomanda una passeggiata tra orsi, lupi, gufi e anatre. I visitatori possono incontrare una varietà di animali nella zona libera dello zoo di Goldau. Questo articolo [...]

Cover
I visitatori incontrano una varietà di animali nella zona libera dello zoo di Goldau. Questo articolo è apparso nel numero di gennaio di "Tagungen & Events". Altre informazioni interessanti da questo settore sono disponibili qui.Lo zoo di Goldau deve le sue origini a un disastro naturale. Nel 1806, 40 milioni di metri cubi di masse rocciose tuonarono a valle e formarono un paesaggio roccioso. Per molti anni l'area rimase incolta ed era inutilizzabile per l'agricoltura. Fino a quando gli uccelli si stabilirono gradualmente e nel 1925 gli abitanti di Goldau fecero una campagna per rendere la zona abitabile per gli animali e aprirono il parco. La zona continuò a svilupparsi per qualche tempo, animali come uccelli, cervi e anche scimmie andavano e venivano. Sono state aggiunte nuove strutture e sono state costruite strutture secondarie più piccole. Il parco è diventato un habitat per gli animali - con l'obiettivo di preservare questo habitat a lungo termine, sviluppandolo ulteriormente e sostenendo le specie europee in pericolo. Soprattutto dopo l'apertura del recinto comune per l'orso e il lupo nel 2009, lo zoo ha fatto un salto per diventare uno zoo moderno ed è ora il terzo più grande della Svizzera.LocaleIl parco ha la forma di una Y rovesciata. Ci sono diversi tour tra cui i visitatori possono scegliere. In "Orso e Lupo", per esempio, il percorso conduce su altezze e profondità. I visitatori incontrano anche bisonti, cormorani, maiali o asini. Il tour "Fish and Bird" conduce intorno allo stagno e mostra anche procioni, marmotte e lontre. Particolarmente apprezzata è la zona all'aperto, dove gli escursionisti possono incontrare e nutrire cervi e mufloni: "Per noi è importante avvicinare i visitatori agli animali e alle piante native europee", spiega Anna Baumann, direttrice del parco naturale e animale di Goldau. Tutti sanno cos'è una palma, ma pochi conoscono le specie non invasive. Il centro si concentra quindi fortemente sulla ricerca e l'informazione e offre una vasta gamma di programmi educativi. Per esempio, 1000 classi scolastiche e altri gruppi visitano il parco ogni anno per vedere le mostre durante una visita guidata alle stazioni di scoperta con corsi e laboratori. "Contiamo 600 tour di gruppo che conduciamo ogni anno", dice il nativo di Schwyz. Questi includono, per esempio, "Wild in the Forest", dove i visitatori vanno sulle tracce di cervi, gatti selvatici e maiali. I partecipanti sperimentano come questi animali si adattano al loro habitat.
Nachtfuehrung
L'incontro sarà seguito dal tour notturno del parco con la sua storia e alcuni animali notturni.In un viaggio di scopertaIl parco attira circa 400.000 persone all'anno. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, non solo le famiglie con bambini sono tra i visitatori più frequenti. "I giovani in particolare cercano il parco. Qui hanno il loro primo appuntamento o il loro primo bacio e vivono così la loro prima avventura amorosa", dice Anna Baumann. Ma ai giovani adulti e agli anziani piace anche andare al parco per una passeggiata romantica. "Non vengono perché sono particolarmente vicini alla natura o hanno un grande amore per gli animali, ma perché vogliono sperimentare qualcosa e possono imparare qualcosa di nuovo", dice il custode qualificato degli animali. Un'altra ragione è il valore aggiunto di fare qualcosa prima o dopo un pasto insieme. Questo valore aggiunto attira anche molte aziende nel parco. Tanto più da quando è stata introdotta l'"oca verde".La sostenibilità è importanteAll'inizio di novembre 2014, il parco naturale e faunistico di Goldau ha aperto il nuovo ristorante "Grüne Gans" perché quello vecchio non soddisfaceva più le esigenze, ma anche per mantenere il parco attraente. "Doveva essere inserito armoniosamente nel paesaggio esistente e progettato in modo sostenibile, oltre a soddisfare tutti i requisiti logistici dall'interno e dall'esterno", spiega Baumann. Tra la piazza panoramica e l'area comune per l'orso e il lupo, il sentiero scende con un tornante. Venendo dalla piazza, il visitatore vede un prato di orchidee che copre il tetto del ristorante. Poi una facciata in legno con grandi facciate di finestre in vetro per la protezione degli uccelli diventa visibile. Posti a sedere all'aperto e un generoso parco giochi circondano la pianta a forma di Y con vista sul complesso Bear and Wolf, il Rigi, il Rossberg e il Mythen. Lo sfondo e i magazzini rimangono nascosti nella collina.
Restaurant-Gruene-Gans
Dopo il tour andiamo al "Grüne Gans" per una cena accogliente."Poiché siamo molto concentrati sulla sostenibilità, il nostro intero sistema di riscaldamento, ventilazione e condizionamento dell'aria è stato portato all'ultimo stato dell'arte. Questo significa che riscaldiamo con l'aria di scarico dei nostri frigoriferi. Inoltre, l'intero ristorante è stato dotato di lampade a LED", continua il direttore.Giorni accanto all'orso e al lupoCon i suoi 400 posti a sedere all'aperto e altrettanti all'interno, il "Grüne Gans" non solo invita a gustare un'accogliente tazza di caffè, dolci e piatti tradizionali svizzeri, ma offre anche spazio sufficiente per conferenze: "Con il 'Grüne Gans' abbiamo finalmente l'infrastruttura necessaria per ospitare anche grandi eventi", spiega Baumann. Oltre ai matrimoni e ai banchetti, sono possibili anche seminari e altri eventi aziendali fino a 400 persone. In totale, il "Grüne Gans" ha tre sale e una terrazza. "Molto bella è la sala delle piume, che è stata effettivamente decorata con le piume", Baumann descrive la sala.Per le riunioni, gli organizzatori sono liberi di scegliere come si svolgerà il loro evento. "Che vogliano partecipare a un workshop, a una visita guidata o semplicemente passeggiare nel parco, dipende da ciascuno", spiega Baumann. Ma la maggioranza, dice, opta per una visita guidata. Non è l'unica a cui piace quello della notte.Quando i gufi sono svegli"Dato che le aziende lavorano o si incontrano con noi durante il giorno, è ovvio che scelgono questa opzione", dice Baumann. Le lanterne sono distribuite prima del tour. Anche se il parco ha un sistema di illuminazione esterna, non è mai acceso in modo che i partecipanti possano impegnarsi pienamente nel tour. "Le guide hanno una torcia per illuminare meglio gli animali in questione", spiega il direttore. Specialmente nella zona dei gufi, dice, c'è molto da fare perché sono notturni. Durante il tour, viene raccontata la storia del parco, con i suoi obiettivi e progetti, e quella degli animali che il visitatore incontra lungo il percorso. "Questo tour è un'esperienza nuova per molti e molto impressionante. Dopo tutto, non siamo più abituati a camminare al buio senza luci e a fare affidamento sui nostri sensi. Questo è ciò che offriamo allo zoo e la gente lo apprezza molto", riferisce Anna Baumann.Autore: Melanie Granados
(Visitato 75 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento