Gli streamer di Twitch ottengono una parte dei ricavi

Il portale di video live streaming Twitch vuole ridurre le barriere all'ingresso per i produttori di contenuti nel settore in forte espansione della pubblicità.

Per raggiungere questo obiettivo, il portale online ha aperto il suo programma interno di incentivazione degli annunci (AIP) a un maggior numero di streamer e, allo stesso tempo, ha modificato lo schema di pagamento dei fondi pubblicitari. Invece di una somma forfettaria fissa, i produttori riceveranno ora una percentuale sulle vendite e quindi guadagneranno molto di più, secondo l'azienda californiana.

Dal 50 al 150% di ricavi in più

"Qualche mese fa abbiamo introdotto un nuovo strumento di gestione degli annunci e l'AIP. In questo modo, abbiamo voluto rendere più semplice la gestione degli annunci e testare un nuovo metodo per fornire ai creatori di contenuti un reddito più affidabile e più elevato", si legge nel blog aziendale di Twitch. Queste modifiche hanno generato "molti feedback positivi" all'interno della comunità degli utenti. "Ecco perché ora stiamo facendo un ulteriore passo avanti", spiegano i responsabili.

Innanzitutto, vogliono permettere a un maggior numero di streamer in generale di partecipare all'AIP. "Stiamo spalancando le porte del nostro granaio per raggiungere più partner di contenuti che mai", sottolinea il portale video. Inoltre, il tasso di pagamento sarà aumentato. Invece di una somma forfettaria fissa per 1.000 visualizzazioni di annunci, i produttori riceveranno ora una percentuale dei ricavi. "Il 55% dei ricavi per ogni annuncio in uno streaming andrà allo streamer. Per la stragrande maggioranza, questo comporta un aumento dei ricavi dal 50 al 150%", calcolano gli esperti.

Solo ad agosto è redditizio per gli affiliati

Secondo Twitch, le nuove condizioni generali per la pubblicità non si applicano ancora ai partecipanti al programma di affiliazione. Al più tardi a partire da agosto, anche loro avranno la possibilità di beneficiare della quota del 55%. Per poterlo fare, tuttavia, devono visualizzare pubblicità nei loro flussi per almeno tre minuti all'ora. Se effettuano l'impostazione corrispondente nel loro Ads Manager, saranno fortunatamente liberati dagli annunci pre-roll, spesso percepiti come fastidiosi e mostrati prima dell'inizio di una trasmissione. (testo a stampa)

(Visitato 121 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento