Facebook combatte contro la proposta di legge sui media in Australia

Facebook, come Google, vuole opporsi a una nuova legge sui media in Australia. Questo è stato annunciato dalla più grande rete internet del mondo (Facebook, Whatsapp, Instagram) martedì, facendo eco alla posizione di Google.

facebookw-t

L'Australia vuole essere il primo paese al mondo a costringere per legge i giganti della tecnologia a dare ai media una parte delle loro entrate. In termini concreti, questo significa che Facebook e Google pagheranno denaro sotto forma di royalties per i contenuti multimediali condivisi sui loro siti.

Facebook ha messo in guardia contro questo, sostenendo che se la legge fosse approvata, agli australiani sarebbe impedito di condividere contenuti di notizie. Il dirigente di Facebook responsabile del business in Australia Will Easton ha detto: "Non è la nostra prima scelta - è l'ultima". Ha detto che la legge avrebbe danneggiato i media australiani.

Il governo sta negoziando da mesi con Facebook e Google per trovare una soluzione amichevole. Il ministro delle finanze Josh Frydenberg ha detto che la legge era di interesse nazionale e avrebbe rafforzato l'industria locale dei media.

Il mercato pubblicitario online dell'Australia vale circa 5,7 miliardi di dollari ed è cresciuto più di otto volte dal 2005. (SDA)

(Visitato 33 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento