La metà dei marketer statunitensi boicotta Facebook

Facebook è stato boicottato dai commercianti negli Stati Uniti. Tuttavia, #StopHateForProfit ha poco successo - la piattaforma aumenta il suo profitto a luglio.

facebook-3324207_1920

Poco più di un commerciante americano su due ha boicottato il gigante dei social media Facebook a luglio. Questo è mostrato in un sondaggio di Digiday . Nel corso della campagna #StopHateForProfit, aziende come il produttore di gelati Ben and Jerry's e la società di articoli sportivi Adidas si rifiutano di continuare a pagare gli spazi pubblicitari sulla piattaforma. Secondo i marchi, Facebook sta facendo troppo poco per fermare l'odio e l'incitamento sulla propria piattaforma.

 

Protesta piuttosto simbolica

Digiday ha condotto il sondaggio su 104 rappresentanti di agenzie media. Il 56% degli intervistati dice che i loro clienti non pagano più per gli spazi pubblicitari su Facebook. Tuttavia, questo passo è solo piuttosto simbolico per le agenzie. Il 55% è dell'opinione che il boicottaggio non porterà a nessun cambiamento significativo.

In effetti, #StopHateForProfit non ha danneggiato la linea di fondo di Facebook. "Alcuni presumono erroneamente che il nostro business dipenda da alcuni grandi inserzionisti", ha detto il CEO Mark Zuckerberg. A luglio, l'azienda ha detto che il profitto è cresciuto del dieci per cento rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

 

I marchi stanno già tornando

Mentre la reputazione di Facebook ha sofferto di vari scandali negli ultimi anni, molti marketer ancora non riescono a staccarsi dalla piattaforma. Secondo Digiday, il 41% dei marchi tornerà su Facebook già ad agosto. Un altro 26% seguirà alla fine del terzo trimestre e il 13% aspetterà fino alla fine dell'anno. (pte/hae)

(Visitato 10 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento