Facebook respinge le accuse di Amnesty International

Facebook ha respinto l'accusa di Amnesty International che il suo modello di business è una minaccia ai diritti umani. Facebook dà alle persone la possibilità di connettersi in tutto il mondo con la protezione della privacy, ha detto la rete online in una reazione di giovedì.

facebook-715811_1280

"Il nostro modello di business assicura che gruppi come Amnesty International - che attualmente gestisce annunci su Facebook - raggiungano i sostenitori, raccolgano fondi e portino avanti i loro obiettivi".

Amnesty International aveva criticato in un rapporto che Google e Facebook controllano i principali canali attraverso i quali miliardi di persone usano internet. Allo stesso tempo, il loro modello di business si basa sulla "sorveglianza onnipresente" e questo mette in pericolo i diritti umani. Google non ha commentato le accuse giovedì.

Facebook possiede anche i servizi di chat WhatsApp e Messenger e la piattaforma fotografica Instagram. Anche la piattaforma video YouTube fa parte di Google - e la compagnia internet sviluppa anche il sistema dominante per smartphone Android. Tra le altre cose, Amnesty International vede un problema nel fatto che le persone dovrebbero aprire l'accesso ai loro dati per utilizzare i servizi di Facebook e Google. (SDA)

(Visitato 24 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento