Mercato pubblicitario online: Smarketer analizza gli effetti della guerra in Ucraina

L'agenzia di marketing online Smarketer ha analizzato come l'attuale situazione di crisi influenzi i più importanti KPI di marketing sulla base di circa mille account pubblicitari.

Carenza anticipata di beni.

Oltre alle sue componenti politiche e sociali, la guerra in Ucraina sta cambiando molto anche nel campo degli affari - nelle catene di approvvigionamento che sono già sotto pressione, attraverso l'attività commerciale interrotta in Russia e non ultimo attraverso l'incertezza finanziaria di una gran parte dei consumatori, che vacillano tra l'accaparramento degli acquisti e la riluttanza a comprare. Questa situazione economica critica con una crescita rallentata ha creato nuove sfide per molti marketer.

Smarketer, la più grande agenzia di Google Ads pure-play nella regione DACH, ha ora utilizzato i dati dei propri clienti per analizzare i cambiamenti che attualmente affrontano le aziende e come questi possono influenzare le loro attività pubblicitarie in generale e le campagne a performance in particolare. "Il fattore decisivo qui", spiega Eric Hinzpeter, esperto di content marketing di Smarketer, "è quanto fortemente le aziende saranno colpite dai problemi della catena di approvvigionamento al presente e in futuro e su quali scorte possono contare. Tuttavia, i rivenditori dovrebbero tenere d'occhio il tasso d'inflazione e i costi di stoccaggio individuali. Tuttavia, non c'è una formula magica qui.

Crisi della catena di approvvigionamento

Chi combina online e offline vince

Soprattutto in vista della fine delle misure di Corona, c'è da aspettarsi che il pendolo si sposti un po' di più a favore del commercio faccia a faccia e che si spenda di nuovo di più per i servizi (gastronomia, cultura). "Gli inserzionisti dovrebbero quindi adattare le loro spese pubblicitarie di conseguenza, investire di più nei canali di performance e adattare le campagne pubblicitarie alla nuova situazione", consiglia Hinzpeter. "Coloro che riescono a coniugare in modo ottimale i canali online e offline nel marketing e nella fidelizzazione dei clienti trarranno profitto dalla situazione attuale".

La crisi si nota chiaramente anche nel contesto del performance marketing, come mostrano le valutazioni interne degli analisti di Smarketer, basate sugli oltre mille account pubblicitari dei clienti di Smarketer. Mentre sono state misurate il 3,2% in meno di impressioni, gli analisti hanno determinato il 24,4% di valori di costo per clic (CPC) più alti. I primi 60 giorni dall'inizio della guerra il 24 febbraio sono stati considerati rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente (confronto YoY).

Nessuna immagine uniforme per impressioni e CPC

Tuttavia, la situazione attuale è diversa a seconda del settore: Nei segmenti hobby & tempo libero, ci sono state il 20,6% in più di impressioni, ma il 27,2% in più di CPC rispetto all'anno precedente, mentre nel turismo & gastronomia sono state misurate il 50,4% in più di impressioni, con il 7,4% in più di CPC. Finance, Insurance & Real Estate, d'altra parte, ha visto il 51,1 per cento in meno di impressioni e il 18,7 per cento in più di CPC (probabilmente a causa di una ridotta propensione all'investimento e alla crescente incertezza).

Smarketer consiglia quindi ai propri inserzionisti di adeguare le strategie SEA alla crisi e di reagire agilmente alla situazione attraverso un attento monitoraggio quotidiano. "Le aziende dovrebbero aumentare i loro budget quando i tassi di conversione sono in aumento e/o le quote di impression sono in calo, al fine di garantire un posizionamento ottimale nei confronti dei concorrenti", consiglia Eric Hinzpeter. Quando i livelli di inventario sono sufficienti, il remarketing dinamico in particolare può essere utilizzato per promuovere le opportunità di vendita dei prodotti. Quando l'inventario è basso, i rivenditori dovrebbero concentrarsi su Google Shopping e sulla ricerca.

Comunicare l'inventario al cliente

Ma è anche importante ottimizzare la comunicazione. "Come era il caso all'inizio della pandemia, la disponibilità viene alla ribalta per molti acquirenti volenterosi. Dite ai vostri clienti sul sito web e nelle vostre pubblicità se i prodotti sono in magazzino o quando possono essere attesi - e informateli non appena la merce è di nuovo disponibile.

Un problema in questo contesto, oltre al rallentamento della crescita economica, potrebbe essere l'aumento dell'inflazione. Le conseguenze dell'inflazione, della scarsità di risorse e delle catene di approvvigionamento interrotte saranno probabilmente avvertite in tutti i segmenti commerciali, anche se in misura molto diversa. "Le aziende dovrebbero quindi analizzare a fondo la propria situazione ora e prendere misure appropriate per spendere saggiamente i budget pubblicitari, soprattutto nei prossimi mesi, e non abbassare inutilmente il tasso di conversione", consiglia Hinzpeter.

La guida di 30 pagine di Smarketer sul tema "Impatto del conflitto in Ucraina: come valutare e mitigare le conseguenze economiche per la tua azienda" può essere scaricato qui gratuitamente diventare

Eric Hinzpeter.

Fondata nel 2011, Smarketer dice che ora è la più grande agenzia di Google Ads pura nella regione DACH e supporta circa 900 clienti di vari settori nella loro crescita digitale con 200 dipendenti. Smarketer è uno dei partner più importanti di Google e Microsoft in Europa e mantiene uno stretto scambio con entrambe le aziende. I suoi clienti includono marchi come PIN AG, Walbusch, Schuhe24 e Audible.

(Visited 176 times, 4 visits today)

Altri articoli sull'argomento