Shopping sui social media: Accenture vede un grande potenziale tra la generazione Y e Z

Entro il 2025, l'industria globale del commercio sociale, con un volume di 492 miliardi di dollari, crescerà tre volte più velocemente del commercio elettronico tradizionale, fino a 1,2 trilioni di dollari. Uno studio di Accenture vede un grande potenziale soprattutto tra le generazioni Y e Z.

Nello studio "Perché lo shopping è pronto per una rivoluzione sociale" Accenture esamina il potenziale di mercato del commercio sociale. Il termine "social commerce" comprende l'intera esperienza di acquisto di una persona, dalla scoperta del prodotto all'acquisto finale, che avviene su una piattaforma di social media. Quasi due terzi (64%) degli utenti di social media intervistati hanno detto di aver fatto un acquisto di social commerce nell'ultimo anno, il che secondo Accenture equivale a quasi due miliardi di consumatori di social commerce in tutto il mondo.

Un sondaggio condotto in Svizzera dalla ZHAW mostra che i rivenditori online svizzeri sono ancora un po' titubanti riguardo al commercio sociale (Werbewoche.ch riportato).

Il fatto che le piattaforme sociali servano come punto d'ingresso per le attività online e gli utenti vi consumano notizie, intrattenimento e offerte di comunicazione è stato dimostrato ancora una volta, non da ultimo dalla pandemia. Il continuo aumento della quantità di tempo che gli utenti passano sui social media sottolinea l'importanza delle piattaforme online nella vita quotidiana. Questo influenza anche il comportamento di acquisto delle persone. Questo apre nuovi flussi di entrate e opportunità per le piattaforme e i marchi di progettare le esperienze degli utenti.

Secondo lo studio di Accenture, la quota del commercio sociale salirà al 17% di tutta la spesa di e-commerce entro il 2025.

I marchi più piccoli e le imprese individuali possono beneficiare di questo sviluppo. Il 54% degli utenti dei social media intervistati ha detto che vorrebbe sostenere le piccole e medie imprese quando fa acquisti sui siti di commercio sociale. Allo stesso tempo, il 64% e il 57% degli intervistati hanno detto che preferiscono comprare qualcosa per se stessi quando comprano tramite piattaforme di commercio sociale, tenendo conto degli stessi venditori o influencer. Questo conferma l'importanza e il potenziale del giusto posizionamento sulle piattaforme di commercio sociale.

"Il commercio sociale può rendere più facile per i piccoli marchi e gli imprenditori individuali di impegnarsi in modo creativo con i consumatori, mentre richiede anche ai grandi marchi di ripensare le strategie tradizionali di e-commerce", ha detto David Holtmann, direttore generale della pratica di beni e servizi di consumo di Accenture. "Il giusto approccio al commercio sociale richiede che produttori, venditori e marchi portino i loro prodotti e servizi dove i consumatori sono e saranno. Sta emergendo un ecosistema dinamico in cui interagiscono piattaforme, marketplace, social media e influencer. I dati e le competenze dovrebbero essere condivisi. Questo è l'unico modo per creare i giusti incentivi per i clienti e per offrire la migliore esperienza al cliente in un mercato digitale integrato.

Secondo Accenture, i millennials da soli - la generazione Y - rappresenteranno quasi un terzo dei 401 miliardi di dollari di spesa nel commercio sociale entro il 2025.

Ancora poca fiducia

Nonostante la tendenza all'aumento del commercio sociale, la metà degli utenti dei social media intervistati sono preoccupati che gli acquisti non siano adeguatamente protetti o rimborsati quando necessario. La mancanza di fiducia sta quindi diventando il più grande ostacolo per il nuovo canale di vendita, simile a quello che c'era all'inizio dell'e-commerce.

"Una delle ragioni principali della riluttanza nell'area del commercio sociale è la mancanza di fiducia nella credibilità dei fornitori. Gli utenti attivi del social commerce sottolineano le linee guida insufficienti per i resi, i rimborsi o gli scambi e vedono un margine di miglioramento qui", dice Holtmann. "La mancanza di fiducia è un problema che può essere superato solo lentamente. Tuttavia, i fornitori che si concentrano su queste preoccupazioni dei consumatori sono in una posizione migliore per guadagnare quote di mercato".

Chi compra cosa?

Accenture prevede che entro il 2025, la maggior parte degli acquisti di social commerce a livello globale sarà nell'abbigliamento (18%), nell'elettronica di consumo (13%) e nei tessuti per la casa (7%). In Cina, gli alimenti freschi e gli snack sono anche tra le grandi categorie di prodotti con una quota di 13%. I cosmetici e la cura della persona, anche se più piccoli in termini di vendite totali del commercio sociale, guadagneranno rapidamente terreno sull'e-commerce tradizionale. Questa categoria dovrebbe rappresentare una media di oltre 40% di spesa digitale nei principali mercati entro il 2025.

Altri risultati fondamentali dello studio

  • I consumatori in Cina, India e Brasile sono più propensi a usare il social commerce. Otto su dieci utenti di social media in Cina usano il commercio sociale per fare acquisti in una categoria specifica. Nel Regno Unito e negli Stati Uniti, la maggioranza degli utenti dei social media non ha mai fatto un acquisto tramite il social commerce.
  • I clienti in Cina, India e Brasile danno più valore alle caratteristiche che li aiutano a scoprire e valutare i potenziali acquisti. Nel Regno Unito e negli Stati Uniti, i prezzi e gli sconti sono più importanti.
  • La fiducia è più importante per le vecchie generazioni che per i giovani. Gli acquirenti più anziani apprezzano le caratteristiche di sicurezza e la familiarità con il marchio. Le generazioni più giovani sono attratte dai livestream e fanno più affidamento sulle recensioni degli acquirenti.

Accenture ha condotto una serie di studi sul commercio sociale per comprendere meglio questo mercato. Come parte di un Sondaggio online 10.053 utenti di social media in Cina, India, Brasile, Stati Uniti e Regno Unito sono stati intervistati tra il 12 agosto e il 3 settembre 2021. Inoltre, sono state condotte interviste con acquirenti e venditori tra il 26 maggio e il 2 giugno 2021.

Le previsioni di Accenture per il mercato del commercio sociale sono state create utilizzando modelli econometrici che tengono conto dell'ottimizzazione delle preferenze dei consumatori per accelerare le dinamiche di mercato esistenti. Il mercato del commercio sociale include prodotti o servizi ordinati attraverso le reti sociali, indipendentemente dal metodo di pagamento o di adempimento. Include transazioni business-to-consumer (B2C) e consumer-to-consumer (C2C).

(Visitato 359 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento