I rivenditori online stanno ancora aspettando di vendere direttamente tramite i social media

Lo shopping sui social media è in voga, eppure quasi la metà dei rivenditori online svizzeri non vuole ancora utilizzare l'annunciata possibilità di vendita diretta via Facebook e Instagram. Tuttavia, molti si aspettano che il commercio sociale aumenti le vendite in futuro, come mostra un nuovo studio della ZHAW.

Su Facebook e Instagram, in futuro gli utenti svizzeri potranno anche ordinare i prodotti pubblicizzati direttamente sulla piattaforma senza dover passare al webshop del fornitore. Questo processo si chiama "Direct Checkout".

I rivenditori online svizzeri sono ancora riservati su questa nuova funzione: il 42% delle aziende intervistate sono critiche sul suo uso e vogliono aspettare e vedere per ora. Il 28% userà probabilmente Direct Checkout. Tuttavia, solo due quinti hanno affrontato attivamente l'argomento.

Questi sono i risultati di uno studio della ZHAW School of Management and Law. I ricercatori hanno intervistato oltre cento rivenditori online svizzeri ed esperti nel campo dei social media e dell'e-commerce dal 13 aprile al 19 maggio 2021. Lo studio è stato realizzato insieme alle agenzie Webrepublic e B+H Communication e la società di consulenza Carpathia.

Nessun sostituto del negozio online

"La maggior parte delle aziende valutano Direct Checkout come un canale di vendita aggiuntivo che completerà il loro negozio online esistente, ma non lo sostituirà", spiega il leader dello studio Darius Zumstein dell'Istituto di Marketing Management della ZHAW. Di conseguenza, solo poco più di un quarto delle aziende teme che le visite e le vendite nel negozio online diminuiscano con l'uso della nuova funzione. Al contrario, il 72% delle aziende si aspetta un aumento delle loro vendite complessive.

Più acquisti spontanei

Circa otto su dieci delle aziende intervistate hanno detto che altri vantaggi includono un'esperienza di shopping senza soluzione di continuità per i clienti e la promozione degli acquisti d'impulso. Inoltre, molte aziende si aspettano un approccio più mirato e interazioni più dirette con i loro gruppi target. "I rivenditori online sono spesso già attivi su Facebook e Instagram. I negozi su Facebook e Instagram permettono loro di incoraggiare i loro clienti a comprare di più dove passano una quantità considerevole di tempo", dice Zumstein. "La possibilità di comprare i prodotti proprio dove si è ispirati semplifica e accelera notevolmente lo shopping online". Circa l'80% delle aziende vede uno svantaggio del nuovo canale di vendita nel fatto che Meta, il gestore di Facebook e Instagram, ha il controllo dei dati dei clienti. 

Quando si vende tramite i social media - s-commerce - i ricercatori hanno identificato differenze fondamentali in 30 aree rispetto ai classici negozi online - e-commerce. Danno anche una serie di raccomandazioni per integrare la cassa diretta nella strategia di marketing e vendita: per esempio, consigliano alle aziende di vendere principalmente beni di consumo e durevoli sui social network che fanno appello alle emozioni. Inoltre, dovrebbero chiarire in anticipo i processi e le risorse necessarie.

Direct Checkout è attualmente disponibile solo per alcuni negozi online negli Stati Uniti. La data esatta di introduzione per gli utenti e le aziende svizzere è ancora aperta.

(Visitato 296 volte, 1 visite oggi)

Altri articoli sull'argomento