La Posta Svizzera vende Swiss Post Solutions per 375 milioni di franchi

La Posta Svizzera vende la sua filiale Swiss Post Solutions a una società di private equity. La filiale della Posta viene rilevata da AS Equity Partners, con sede a Freienbach SZ e Londra. Il sindacato Syndicom critica la vendita.

La transazione valuta Swiss Post Solutions SPS, attiva nella gestione dei documenti, a un enterprise value di 375 milioni di franchi, ha annunciato lunedì la Posta. La vendita fa parte dell'attuazione della strategia "La Posta di domani", che prevede una revisione continua del portafoglio della Posta.

L'estate scorsa sono sorte delle speculazioni negli ambienti borsistici, secondo le quali la Posta potrebbe far fluttuare SPS alla borsa svizzera. All'epoca si parlava di un possibile valore dell'azienda da 400 a 500 milioni di franchi svizzeri. I piani della Posta per un'IPO di SPS, che non erano stati comunicati ufficialmente, sono stati così apparentemente delusi definitivamente.

SPS è diventato un fornitore leader di soluzioni di outsourcing dei processi aziendali e di gestione dei documenti, scrive la Posta. SPS è in crescita da diversi anni, principalmente nei suoi mercati principali di Asia, Stati Uniti ed Europa. Per continuare a crescere con successo, SPS sta pianificando investimenti e acquisizioni all'estero.

La vendita come migliore opzione strategica

In questo contesto, è sorta la domanda se la Posta fosse ancora il proprietario appropriato, dice la Posta, spiegando il suo approccio. Dopo aver esaminato diverse opzioni strategiche, la Posta giunse quindi alla conclusione che la vendita era l'opzione migliore. La Posta vuole concentrarsi sul suo core business e investire "dove il servizio di base e la logistica per la Svizzera possono essere ampliati e rafforzati in modo sostenibile".

SPS impiega circa 7800 persone a livello globale in più di 20 paesi. Queste saranno rilevate da AS Equity Partners. I clienti includono in particolare banche, compagnie di assicurazione, fornitori di telecomunicazioni e aziende del settore sanitario.

L'accordo di vendita è stato firmato venerdì scorso e l'acquisizione effettiva dovrebbe chiudersi nei mesi successivi, soggetta a condizioni normative e di chiusura.

Il sindacato critica la vendita

Il sindacato Syndicom ha criticato la vendita in una dichiarazione di lunedì. Le condizioni di lavoro dei dipendenti sono ora fortemente in pericolo, a meno che SPS non si impegni a prolungare il partenariato sociale. La Posta si sottrae ora alla sua responsabilità nei confronti di queste persone e incassa una discreta somma di denaro per questo.

Syndicom vuole discutere la continuazione del partenariato sociale con la direzione dell'SPS. Il sindacato chiede che i negoziati sul CLA abbiano luogo. Il CLA scade alla fine del 2022, e i negoziati per un'estensione sono previsti per la primavera. (SDA)

(Visitato 391 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento