Le vendite al dettaglio continuano a salire a maggio

Dopo l'aumento record di aprile, i dettaglianti svizzeri hanno potuto vendere di più anche nel maggio 2021. Tuttavia, l'aumento non è neanche lontanamente così grande come in aprile, quando le vendite sono aumentate di oltre un terzo.

Le vendite al dettaglio complessive in Svizzera sono aumentate del 2,3% su base annua in maggio, dopo la correzione per gli effetti del calendario, ha riferito giovedì l'Ufficio federale di statistica UST. I negozi erano anche in grado di vendere più merce: Rettificato per i prezzi, cioè in termini reali, l'aumento è stato del 2,8%.

I registratori di cassa suonavano soprattutto alle pompe di benzina. Le vendite nelle stazioni di servizio sono aumentate di un buon 21%. La ragione di questo è stato il massiccio aumento dei prezzi. Dopo aver aggiustato il prezzo, le stazioni di servizio hanno venduto solo circa l'1,9% in più di benzina e diesel.

Meno cibo e bevande vendute

Escludendo i fiorenti distributori di benzina, il commercio al dettaglio è stato in grado di aumentare le vendite solo dell'1,0% in maggio rispetto allo stesso mese dell'anno scorso, aggiustato per i giorni di vendita e i giorni festivi (cioè aggiustato per il calendario). Le vendite di prodotti alimentari, bevande e tabacco in particolare si sono contratte del 4,7%.

Al contrario, quasi tutte le industrie del settore non alimentare sono state in grado di aumentare. In primo luogo, il settore "altri beni (abbigliamento, farmacie, orologi e gioielli)" ha mostrato un aumento del fatturato del +18,4 per cento. Questo è stato seguito dal settore "attrezzature per la tecnologia dell'informazione e della comunicazione", che ha registrato un aumento del fatturato del +7,5%.

Anche i prodotti editoriali, le attrezzature sportive e i giocattoli hanno guadagnato il 7,3%. La vendita per corrispondenza e la vendita al dettaglio su internet, così come i prodotti editoriali, sono aumentati del 3,5%. Solo il settore "altri elettrodomestici, tessili, fai da te e arredamento" (-3,0 per cento) ha registrato perdite.

Kink dopo l'aumento record in aprile

Nel precedente mese di aprile, le vendite aggiustate in base al calendario erano ancora in aumento del 36,8% in termini nominali da aprile 2020. Questo è stato l'aumento più forte dall'inizio della serie temporale nel gennaio 2000. Questo ha principalmente a che fare con la chiusura di un anno fa, quando molti negozi sono stati chiusi.

Ora maggio 2021 mostra un calo nominale dell'1,9% dal precedente mese di aprile. Rettificato per l'inflazione, le vendite sono scese dell'1,8%.

Sia i negozi di alimentari che quelli non alimentari hanno subito perdite di circa il 3% ciascuno. In particolare, le vendite di altri elettrodomestici, tessili, fai da te e mobili per la casa si sono ridotte di un buon 9 per cento rispetto al precedente mese di aprile.

Al contrario, le vendite del settore "tecnologia dell'informazione e della comunicazione", che vende computer, telefoni cellulari e tablet, sono aumentate di oltre l'8%. Anche le vendite di carburante alle pompe sono salite di quasi il 3%.(SDA)

(Visitato 109 volte, 4 visite oggi)

Altri articoli sull'argomento