Migros ha perso popolarità

Migros è ancora di gran lunga il luogo più popolare per fare la spesa, davanti a Coop. Tuttavia, al contrario di Coop, Migros ha perso popolarità negli ultimi anni. Al contrario, Aldi e Lidl in particolare hanno recuperato terreno, come mostra uno studio di Marketagent Svizzera.

Secondo lo studio, i discount si distinguono innanzitutto per il rapporto qualità-prezzo - il criterio più importante e quindi decisivo per gli intervistati. Inoltre, i consumatori mostrano meno voglia di fare acquisti in altri paesi vicini al confine dopo Corona.

Nell'ambito dello studio, dal 10 al 18 marzo 2021 sono state intervistate online un totale di 1.010 persone tra i 14 e i 65 anni della Svizzera tedesca e francese, che conoscevano almeno uno dei rivenditori intervistati per nome. Come prima

Il prezzo deve essere giusto

I consumatori preferiscono andare da Migros per fare la spesa. Tra i dettaglianti intervistati, la Migros è chiaramente la più frequentemente nominata come azienda preferita, con il 47%. Tuttavia, Migros ha perso significativamente in popolarità rispetto al 2016 e al 2011. Migros è seguita da Coop (27%) con un margine significativo. Tuttavia, a differenza di Migros, Coop ha guadagnato popolarità rispetto al 2016. Lidl e Aldi sono al terzo e quarto posto con il 9 e il 7 per cento rispettivamente. I due discount di origine tedesca hanno guadagnato significativamente in popolarità rispetto al 2016 e al 2011 rispettivamente, anche se su una base relativamente bassa.

Per anni, il criterio più importante quando si acquistano beni di uso quotidiano è stato il rapporto qualità-prezzo. Il 90% valuta il rapporto qualità-prezzo come (molto) importante (i primi 2 valori 4 e 5 su una scala da 1=per nulla importante a 5=molto importante).

Tuttavia, il precedente vincitore del prezzo-prestazione Migros sta ottenendo concorrenza per questo importante criterio. Aldi è alla pari con Migros con un punteggio del 74% nel top 2 box nello studio attuale, seguito da vicino da Lidl con il 73%. "Colpisce il fatto che i due discount abbiano fatto notevoli passi avanti nel tempo, mentre il valore per Migros si sta sgretolando. Migros, per esempio, ha perso un punto percentuale rispetto al 2016 e ben 7 punti percentuali rispetto al 2011. Aldi, invece, ha guadagnato quattordici punti percentuali dal 2011", spiega la dottoressa Cornelia Eck, direttrice di Marketagent.com Svizzera.

Corona punta i riflettori sulla pulizia

I consumatori hanno prestato molta attenzione ai negozi puliti e all'affidabilità (disponibilità del prodotto) per anni. Anche se entrambi i criteri avevano perso peso in passato, oggi sono diventati significativamente più importanti (pulizia: 89%; affidabilità: 85%) rispetto al 2016 (85% e 80% rispettivamente). "Il fatto che i consumatori attualmente diano un valore così alto alla pulizia e alla disponibilità dei prodotti è probabilmente chiaramente attribuibile a Corona", dice Cornelia Eck.

Dopo Corona: meno prodotti da "oltre confine

Le persone che fanno acquisti in altri paesi vicini al confine lo fanno principalmente per risparmiare. Con il 61%, i prezzi bassi sono la ragione più frequentemente citata per fare acquisti oltre confine per le necessità quotidiane.

Nel periodo prima di Corona, gli intervistati stimano che circa il 16% dei loro prodotti acquistati quotidianamente erano beni acquistati all'estero. Per il periodo dopo Corona, si aspettano che questa proporzione sia solo del 12%, cioè una riduzione significativa. Questo rappresenta un'opportunità per il commercio al dettaglio svizzero. La velocità e la forza con cui il turismo degli acquisti tornerà al suo livello pre-Corona dipenderà probabilmente anche dalle reazioni dei commercianti svizzeri.

(Visitato 418 volte, 1 visite oggi)

Altri articoli sull'argomento