Più digitale, più mobile, più interattivo - come le aziende svizzere affrontano la trasformazione digitale

SMART BUSINESS DAY Lo "Smart Business Day" di quest'anno al Gottlieb Duttweiler Institute (GDI) di Zurigo era tutto incentrato sulla trasformazione digitale. Insieme a rinomati esperti, Namics, hybris e lo sponsor Adobe hanno invitato i partecipanti ad andare al fondo delle questioni essenziali della trasformazione digitale nell'e-business. Il produttore musicale, giornalista e autore Tim Renner [...]

SmartBusinessDay2013_07_Vortrag1_TimRenner_01
Il produttore musicale, giornalista e autore Tim Renner ha usato l'industria musicale per mostrare cosa può succedere quando le aziende non prendono sul serio le esigenze dei loro clienti.I processi aziendali digitali danno forma alla vita economica moderna. Tuttavia, i modelli di business di molte aziende non stanno tenendo il passo con le possibilità tecnologiche e le nuove esigenze dei clienti associate. Per continuare a soddisfare le mutevoli esigenze dei clienti in futuro, è necessario innanzitutto capire le nuove aspettative dei clienti. La grande quantità di dati dei clienti e le soluzioni già esistenti per analizzare questi dati possono aiutare le aziende a riconoscere i bisogni e le esigenze dei clienti e a reagire in tempo.Modelli di business per i clientiTra i relatori dello Smart Business Day di Namics e hybris si è concentrato principalmente su un'intuizione: le aziende devono capire le esigenze dei clienti in anticipo e soddisfarle con nuovi modelli di business per sopravvivere sul mercato. Usando l'esempio prominente dell'industria musicale, Tim Renner, produttore musicale, giornalista e autore, mostra cosa può succedere quando le aziende non riescono a riconoscere i bisogni dei clienti o non li prendono sul serio. Per molto tempo, l'industria musicale non è riuscita a soddisfare le mutevoli richieste dei clienti e ad adattare il suo modello di business di conseguenza. La grave conseguenza di ciò, secondo Renner, è stata che l'industria ha perso il 50% delle sue entrate negli ultimi 20 anni. La buona notizia è che da quest'anno le vendite sono di nuovo in aumento. "Con i servizi di streaming e i modi semplici per comprare musica online, l'industria sta riuscendo a ritrovare il suo piede", ha aggiunto Renner. Il fattore decisivo è che l'industria musicale si è staccata dai vecchi modelli di business ed è stata in grado di creare nuove offerte e servizi che soddisfano le esigenze dei clienti. Bogdan Sutter, Head of Digital Transformation di PwC, ritiene che molte aziende in Svizzera abbiano ancora molto da recuperare per quanto riguarda le possibilità tecnologiche. Secondo la sua analisi, la tecnologia nelle aziende è più avanti dei loro modelli di business. Sutter è convinto che "questo divario tra business e tecnologia significa che le aziende non stanno ancora sfruttando appieno le opportunità disponibili". Egli identifica tre onde digitali nello sviluppo tecnologico: La prima ondata comprende la possibilità di concludere transazioni online. La seconda ondata riguarda l'analisi dei dati dei clienti. Infine, la terza ondata coinvolge i clienti che condividono attivamente i loro dati con l'azienda per trarne un valore aggiunto. Sutter usa il servizio di comparazione Comparis come esempio della terza ondata. I conducenti possono informare continuamente Comparis del numero di chilometri che hanno percorso con il loro veicolo e della distanza percorsa. In cambio, ricevono suggerimenti da Comparis per servizi assicurativi su misura per il loro comportamento di guida, o suggerimenti sulle stazioni di servizio più economiche sui loro percorsi.Angelo Buscemi, Country Manager di Adobe in Svizzera, vede il maggior potenziale nella terza ondata: "Se le aziende possono dimostrare che usano i dati degli utenti per offrire ai clienti un valore aggiunto, sono anche disposti a condividere le loro informazioni. Questo apre anche possibilità completamente nuove per le aziende in termini di fidelizzazione dei clienti, la formazione di ecosistemi e lo sviluppo di comunità fedeli che si identificano fortemente con il marchio. Tim Dührkoop, partner di Namics e moderatore dello Smart Business Day, ritiene inoltre che molte aziende non stiano ancora sfruttando le opportunità redditizie offerte dai canali digitali. La cosa più importante qui è controllare esattamente quali prerequisiti sono necessari nell'azienda in modo che il potenziale di business online possa essere effettivamente realizzato. Dührkoop: "La tavola rotonda conclusiva ha mostrato che gli approcci sono estremamente diversi e devono essere considerati individualmente per raggiungere una soluzione ottimale."Dati dei clienti per le richieste dei clientiPer capire i desideri dei clienti in una fase iniziale e per identificare nuovi sviluppi, i relatori concordano sul fatto che la valutazione dei dati dei clienti esistenti e il comportamento dei clienti e degli acquisti sono centrali. Non solo permettono di sviluppare offerte su misura per i singoli clienti, ma anche di anticipare gli sviluppi futuri. Quali canali sono adatti a quali segmenti di clienti? Quali offerte sono rilevanti e interessanti per i singoli utenti? Angelo Buscemi è convinto che gli strumenti di analisi del comportamento dei clienti siano un elemento centrale del marketing. Tuttavia, crede anche che ci sia ancora molto da recuperare quando si tratta di utilizzare le soluzioni corrispondenti: "Molte aziende in Svizzera hanno dati dettagliati dei clienti, ma non sono ancora in grado di usarli per i loro scopi. C'è un sacco di potenziale non sfruttato qui. In Adobe, siamo stati veloci a riconoscere le opportunità che le aziende hanno nell'analizzare i dati dei loro clienti. In definitiva, vogliamo fornire alle aziende soluzioni semplici che permettano loro di tradurre le grandi quantità di dati dei clienti in misure di marketing concrete. Così facendo, riusciamo ad offrire un valore aggiunto che i nostri clienti possono misurare in cifre di vendita molto concrete".
(Visitato 41 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento