Digitalizzazione al posto delle carte nelle carceri di Zurigo

La digitalizzazione è destinata a raggiungere anche le carceri di Zurigo: Con il progetto "Smart Prisons Zurich (SMAZH)", la Direzione della Giustizia intende acquistare una piattaforma software per migliorare i processi interni. Anche i detenuti riceveranno dispositivi finali sicuri.

Il Cantone di Zurigo sta modernizzando il sistema carcerario: sta creando dispositivi digitali sicuri per i detenuti e una piattaforma software per i processi interni. (Immagine simbolica: Keystone/Ennio Leanza)

I servizi digitali sicuri per i detenuti sono disponibili solo in casi isolati negli istituti di correzione e reinserimento (Juwe) e i relativi sistemi sono obsoleti, ha annunciato giovedì il Dipartimento di Giustizia.

Quando nelle carceri si comunicano procedure e regole interne, si prendono appuntamenti, si organizza la spesa, si coordinano i pasti o si fanno richieste in fino a 15 lingue, dipendenti e detenuti comunicano ancora quasi esclusivamente su carta. "È qui che dovrebbe avvenire la modernizzazione".

L'obiettivo di "SMAZH" è quello di fornire al personale carcerario uno strumento moderno per supportare i detenuti, secondo quanto riportato nel verbale della riunione del Consiglio di governo. Una delle caratteristiche principali è, ad esempio, una moderna funzione di traduzione, che mira a evitare "tempi morti dovuti a incomprensioni linguistiche".

Anche i detenuti dovrebbero trarre vantaggio dalla digitalizzazione: "Quanto più sono preparati in carcere a una vita senza reati in libertà, tanto migliore sarà il loro reinserimento". I programmi di educazione digitale e il supporto nella preparazione al rilascio, ad esempio per le domande di lavoro, possono essere un valido aiuto. L'obiettivo è quello di colmare il divario digitale tra le carceri e il mondo esterno.

Una prima versione di base sarà introdotta quest'anno in un istituto pilota. I singoli servizi saranno poi introdotti per gradi.

Secondo il verbale del Consiglio, i "costi di attuazione del progetto" ammonteranno a poco meno di 15 milioni di franchi svizzeri entro il 2033. La spesa è considerata impegnata. Secondo il Consiglio di Stato, il rinnovo della soluzione esistente è un prerequisito per poter eseguire l'esecuzione della giustizia in conformità con la legge. (SDA)

Altri articoli sull'argomento