In futuro Youtube pagherà anche i cortometraggi

La piattaforma di video brevi di successo TikTok sembra essere uno spauracchio per le grandi aziende di Internet negli Stati Uniti. Per poter contrastare il successo dei cinesi, in futuro gli YouTuber dovrebbero partecipare maggiormente al successo finanziario dei video brevi.

In futuro, YouTube vuole che anche i creatori di video brevi, chiamati "corti", partecipino ai ricavi pubblicitari. Questo è il risultato delle modifiche al programma dei partner di YouTube, presentate martedì a Los Angeles (ora locale). Finora, i creatori hanno beneficiato solo delle entrate pubblicitarie generate dalla piattaforma video di Google sulla piattaforma principale di YouTube.

I video brevi su "Shorts", invece, con cui YouTube compete contro il concorrente cinese TikTok dal 2020, non potevano essere monetizzati finora. Spesso servivano solo come mezzo per attirare gli utenti verso un canale YouTube con video più lunghi.

Secondo Susan Wojcicki, CEO di YouTube, negli ultimi tre anni la filiale di Google ha versato più di 50 miliardi di dollari a creatori, artisti e aziende del settore dei media attraverso il Programma Partner di YouTube, lanciato nel 2007. Tuttavia, i video pubblicati su "Shorts" non erano tra questi. Secondo YouTube, il servizio di video brevi conta oggi 30 miliardi di visualizzazioni al giorno e più di 1,5 miliardi di utenti che si collegano almeno una volta al mese.

I partner di Youtube dovrebbero essere maggiormente coinvolti

Dall'inizio del prossimo anno, i partner di Youtube parteciperanno ai ricavi sia sulla piattaforma principale di Youtube che su "Shorts". "I creatori di cortometraggi possono candidarsi al programma se hanno almeno 1.000 abbonati e 10 milioni di visualizzazioni di cortometraggi entro 90 giorni.

L'azienda introdurrà anche "Creator Music", un catalogo online che consente ai creatori di YouTube di concedere in licenza musica protetta da copyright da utilizzare nei video più lunghi. Gli YouTubers che non vogliono pagare le licenze possono in alternativa condividere gli introiti pubblicitari con i titolari dei diritti d'autore. Finora, molti youtuber hanno utilizzato musica libera da diritti d'autore o hanno rischiato di vedersi togliere i video dalla rete per violazione del copyright. (sda.)

Altri articoli sull'argomento