"L'industria tecnologica ha fatto molto bene nella pandemia"

Dal febbraio 2021, Petra Jenner è il capo della Svizzera presso Salesforce - e ha dovuto familiarizzare "a distanza" a causa della pandemia. In un'intervista a Werbewoche.ch, rivela quali difficoltà questo comporta - e cosa ha significato Corona per la digitalizzazione.

Advertisingweek.ch: Petra JennerDa febbraio lei è General Manager & Senior Vice President Switzerland and Eastern Europe di Salesforce. Attualmente, però, devi ancora fare il tuo lavoro da Monaco a causa di Corona...

Petra Jenner: Hai ragione, non posso trasferirmi in Svizzera al momento. Al momento è molto difficile da organizzare. Spero che la situazione migliori verso la metà dell'anno - i nostri due uffici svizzeri sono ancora chiusi al momento, quindi non posso comunque incontrare il personale. E anche i clienti tendono ad essere molto cauti sugli incontri fisici in questo momento. Quindi sono principalmente in viaggio in modo digitale. Naturalmente, questo non è bello a lungo termine, soprattutto quando hai assunto una nuova posizione.

 

La formazione per una posizione di tale responsabilità dovrebbe essere particolarmente complessa "a distanza"?

Beh, questa è una sfida perché non conosco ancora personalmente tutti i dipendenti, anche se questo sarebbe il mio obiettivo: aver visto tutti almeno una volta. Ho cercato di programmare incontri virtuali dove posso conoscere le persone - ma questo aggiunge un bel numero e posso lavorare solo dieci o dodici ore al giorno (ride). Se avessi potuto incontrare subito le persone in ufficio, sarebbe stato più veloce. Penso che ci voglia più tempo per costruire relazioni oggi che prima della pandemia.

 

Una dichiarazione interessante. Molti manager dicono che preferiscono risparmiare tempo - perché devono viaggiare meno?

Naturalmente, trovo anche molto piacevole essere responsabile di 22 paesi e non dover viaggiare da qualche parte ogni giorno. Soprattutto ora, con tutti questi requisiti nel contesto dell'intera prevenzione Covid, viaggiare è tutt'altro che divertente. Ma il tempo che si risparmia nei viaggi in aeroporto è davvero guadagnato? O si passa a un'agenda più fitta, con più chiamate di zoom? Io penso la seconda. Quei momenti "intermedi" sul treno dell'aeroporto, sono stati anche per me delle pause di recupero. Non si può sottovalutare neanche questo. Ho letto molto di più allora. Credo che oggi lavoriamo tutti di più.

 

Passavi una media di 150 giorni all'anno sulla strada. Sta tornando questo tipo di gestione della vita e della carriera?

Una buona domanda: avremo davvero un altro "New Normal", come si dice? O sarà che la gente viaggerà molto di più per ora perché gli è mancato così tanto? Sono curioso. Ho la sensazione che ci saranno già dei cambiamenti duraturi. Penso che tutti viaggeremo meno, viaggeremo più consapevolmente, perché la gente ha capito che non deve essere fisicamente presente per ogni conversazione.

 

Parlando di cambiamenti - come profondo conoscitore dell'industria tecnologica, forse puoi dire qualcosa su un'osservazione che potrebbe essere fatta durante la pandemia. Vale a dire, che aziende come Salesforce o Microsoft hanno dimostrato di essere "corporate citizens" ancora più forti. O questa impressione è ingannevole?

Credo anche che l'industria tecnologica abbia fatto molto bene durante la pandemia. Con Salesforce, per esempio, abbiamo adattato il tema del "successo da qualsiasi luogo": Come possiamo garantire il successo del lavoro da casa in primo luogo? Abbiamo fornito consulenza a molte aziende su questo in un tempo molto breve; c'è stato un grande trasferimento di conoscenze. E, come molti dei nostri concorrenti, abbiamo partecipato a campagne di vaccinazione e maschere. Abbiamo avuto le nostre sfide, naturalmente, ma rispetto a molte aziende, abbiamo sempre avuto abbastanza lavoro; siamo stati in grado di creare lavoro e dare lavoro. E poi è nostro dovere impegnarci per i meno abbienti.

 

La pandemia è stata anche una finestra di opportunità per la digitalizzazione?

L'altro giorno parlavo con un CEO svizzero che ha riassunto molto bene la situazione: ha detto: "Sa, signora Jenner, per tutta la mia vita ho sempre dovuto argomentare perché investiamo nell'IT. Dopo Covid, non devo più farlo perché è diventato chiaro a tutti che senza certi investimenti non potremmo lavorare". E penso che anche questo sia importante: Covid e le circostanze indubbiamente disastrose hanno finito per aiutare molte aziende a modernizzarsi.

 

Quindi per lei, come GM svizzero, è un momento eccitante per lavorare sul mercato qui?

Sì, era un buon mercato prima, ma ora è ancora più eccitante. Ciò che mi commuove particolarmente sono le molte grandi aziende di medie dimensioni che esistono in Svizzera. La gente spesso associa la Svizzera alle corporazioni globali, che sono molto importanti per la località. Ma qui ci sono così tanti imprenditori brillanti e di medie dimensioni che hanno certamente già preso sul serio il tema della digitalizzazione, ma ora stanno semplicemente spingendo di più. E vorrei sicuramente che noi di Salesforce dessimo un contributo qui.

 

È su questo che vuoi concentrarti?

Sì, questa è una preoccupazione molto grande per me. Per come la vedo io, Salesforce è una soluzione adatta a qualsiasi azienda di qualsiasi dimensione. Ma è anche importante essere in grado di sostenere queste aziende. E penso che possiamo fare ancora meglio in Svizzera. Forse non siamo ancora così forti nel settore delle PMI come dovremmo e potremmo essere, e lo vedo come un grande potenziale per noi.

 

Chi sarà più importante come punto di contatto - i Chief Marketing Officers o i Chief Information Officers?

I Chief Marketing Officer e i Chief Digital Officer hanno effettivamente ricevuto molta attenzione negli ultimi anni e i Chief Information Officer - nella misura in cui tutte e tre le funzioni esistevano in parallelo in un'azienda - hanno dovuto ridefinire il loro ruolo nel frattempo. Nel frattempo, è stato riconosciuto che tutte le competenze sono necessarie. Perché per tutti loro la pandemia ha cambiato il mondo del lavoro: Il CMO si è trovato da un giorno all'altro a dover lavorare esclusivamente in digitale, potendo fare solo eventi online. Eravate preparati a questo, avevate sufficienti competenze digitali? L'ho sperimentato anche nella nostra azienda, tutto doveva essere cambiato. E poi vengono fuori domande come: Fino a che punto si può arrivare? Come si fa a rimanere innovativi? Quali sono le tecnologie? E più il marketing aveva a che fare con le tecnologie, più il CIO tornava improvvisamente in gioco. Si sa: il ruolo del CIO è sempre stato importante. Solo che forse non era così presente nella percezione pubblica. Oggi, bisogna dire che se si ha un buon CMO e un buon CIO, si è ben equipaggiati per il futuro.

 

Salesforce è stato a lungo l'agile aggressore, prendendo quote di mercato da SAP, Adobe e altri concorrenti con velocità e innovazione. Ora hai così tanto successo che sei diventato tu stesso il "cacciato". Quindi il successo rende effettivamente il lavoro più difficile?

Penso che sia ugualmente impegnativo per qualsiasi azienda avere successo in questo ambiente oggi. Penso che la sfida per noi sia semplicemente quella di assicurarci che i nostri clienti abbiano davvero successo nell'usare le nostre soluzioni. E questo, naturalmente, diventa più impegnativo con l'aumento delle aspettative e dei requisiti. Questo è molto chiaro. La concorrenza è un buon segno, perché mostra che la domanda c'è da un lato. Ma dimostra anche che abbiamo lavorato su un tema importante per più di vent'anni. Mi assicuro che i nostri clienti siano soddisfatti. Perché se i clienti sono soddisfatti e i dipendenti sono soddisfatti, allora la crescita viene naturale. Questo è fondamentale per me. E penso che l'unico modo in cui il lavoro differisce è che la squadra diventa più grande. Ma per il resto, il lavoro rimane altrettanto impegnativo o stimolante come lo era tre, quattro, cinque anni fa. Non è cambiato nulla da questo punto di vista.

 

In Svizzera, Salesforce è molto impegnata nella parità - per esempio, con l'iniziativa "Bring Women Back To Work". Anche questo è un affare di cuore per te?

Sì, penso che sia un'idea fantastica. Posso anche spiegarlo semplicemente: Ho visto molte carriere interrotte, a causa di contesti familiari, e poi dopo due o tre anni, le donne non hanno più trovato la loro strada. Ecco perché è follemente intelligente che la mia collega Vanessa Gentile abbia lanciato "Bring Women Back To Work"; per dire: reclutiamo donne accademiche di talento e ottimamente formate che semplicemente hanno meno esperienza lavorativa o non sono rimaste nella loro professione perché forse non era compatibile. O semplicemente perché hanno dovuto trasferirsi in un altro paese e ora vogliono ricominciare. Dovrebbero essere affrontati. A mio parere, questa è una delle idee più innovative che ho visto negli ultimi anni.


Petra Jenner ha più di 25 anni di esperienza nel settore IT: prima di entrare nel gigante tecnologico Salesforce nel 2016 come Vice Presidente Innovation & Transformation Europe, è stata, tra l'altro, Country CEO e General Manager di Microsoft Svizzera. Nel suo tempo libero, scrive libri; recentemente ha pubblicato "Mit Verstand und Herz - Authentisch und erfolgreich: Führungskraft ist weiblich" ("Con la mente e il cuore - Autentico e di successo: la leadership è femminile").

(Visitato 223 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento