Piattaforma pubblicitaria interattiva: Swisscom manda in pensione Beem

Swisscom interrompe la piattaforma pubblicitaria Beem. L'azienda cita il mercato incerto e gli investimenti non pianificati. Al suo lancio, Beem aveva fatto scalpore con scatole misteriose.

Dopo circa un anno e mezzo di funzionamento regolare, Swisscom interrompe la sua piattaforma pubblicitaria interattiva Beem. Su richiesta, l'azienda conferma un corrispondente Messaggio da Persoenlich.com. "A causa delle grandi incertezze del mercato pubblicitario in Svizzera (causate da COVID-19), Swisscom avrebbe dovuto fare ulteriori investimenti non previsti nel modello di business della piattaforma di Beem", spiega Sepp Huber il passo. "Poiché la pianificazione rimane incerta, Swisscom ha deciso di interrompere il modello di business della piattaforma di Beem e di non offrire più Beem nel mercato pubblicitario e nel settore non pubblicitario".

Swisscom ha originariamente presentato Beem nel maggio 2019 (Werbewoche.ch riportato). Gli spot cinematografici o i cartelloni pubblicitari abilitati da Beem emettono un segnale sonoro ad alta frequenza al di fuori della gamma udibile e, nel caso dei cartelloni, anche un segnale Bluetooth, ha spiegato la società al momento. Gli smartphone dei consumatori nelle vicinanze dovrebbero ricevere questo segnale e innescare un'azione corrispondente, come l'apertura di un sito web.

I manifesti o gli spot Beem hanno inviato un segnale allo smartphone dei passanti. (Fonte: Swisscom)

Ma la tecnologia audio ha inizialmente causato confusione: le piccole scatole nere sopra i manifesti pubblicitari che emettevano il segnale non erano ben accolte. E molti passanti hanno criticato Beem per l'accesso al microfono dello smartphone. Di conseguenza, Swisscom ha rinviato il lancio a ottobre 2019.

"Con il passaggio della tecnologia ai beacon Bluetooth nell'autunno 2019, il sistema è stato accettato dagli inserzionisti e anche dai consumatori", scrive a posteriori il portavoce dell'azienda. Ora, però, i fari installati saranno smantellati in consultazione con i partner interessati e non saranno più utilizzati. L'azienda non dice quante campagne Swisscom aveva fatto tramite Beem. Il portavoce scrive che non vengono comunicate cifre. (René Jaun/lha)

 

Questo articolo è apparso per la prima volta su Netzwoche.

(Visitato 266 volte, 1 visite oggi)

Altri articoli sull'argomento