Google AI trasforma i dipinti in musica

Il nuovo strumento di Google "Play a Kandinsky" usa l'AI per creare musica basata sui dipinti. Così facendo, imita gli effetti della sinestesia, una forma di percezione umana in cui due sensi sono accoppiati insieme. Il modello era il pittore e sinesteta Wassily Kandinsky, per il quale i colori erano udibili e i pezzi di musica visibili.

How to Play a Kandinsky_ behind the scenes 0-45 screenshot

Un'IA di Google rende udibile un quadro di Kandinsky. (Screenshot: Youtube.com)

"Un'IA analizza enormi quantità di dati e quindi riconosce cose che un umano spesso non può percepire. Il suo uso nel campo dell'arte è anche concepibile. Sia nel campo visivo che in quello uditivo, un algoritmo può trovare strutture e modelli e quindi imparare ciò che rende uniche le opere degli artisti", spiega l'esperto di digitalizzazione Tim Niesen in un'intervista al portale di notizie Comunicato stampa.

"Play a Kandinsky" è una collaborazione tra Google e il Centre Pompidou di Parigi. Permette agli utenti di interagire con il quadro di Kandinsky del 1925 "Giallo-Rosso-Blu" e creare la propria musica cliccando sui colori. L'applicazione spiega anche come un sinesteta percepisce la musica e i colori.

 

Formazione attraverso la musica e la pittura

Gli sviluppatori hanno addestrato il sistema attraverso l'apprendimento automatico. L'IA ha imparato sia le opere di Kandinsky che la musica del suo periodo creativo. Inoltre, l'algoritmo sa quali suoni, strumenti ed emozioni il maestro russo ha associato a certi colori.

Dai dipinti suonare un Kandinsky può creare musica. Secondo Google, questo non replica l'esatta percezione attraverso la sinestesia. Tuttavia, si suppone che gli utenti acquisiscano una comprensione di come le emozioni sono collegate a certe impressioni sensoriali. (pte)

(Visitato 123 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento