10 domande e risposte su Clubhouse: cosa può fare l'app - ed è adatta al business?

Tutti parlano del boom dell'app audio - almeno nell'industria del marketing e della comunicazione - e le persone sono impegnate a sperimentarla. Clubhouse è una rivoluzione mediatica o solo un hype passeggero?

Le clubroom sono solo un sostituto temporaneo e pandemico degli incontri e delle discussioni nel mondo fisico? Sarà presto tutto finito - o Clubhouse offre grandi opportunità per nuovi modelli di business e l'uso nel marketing, nella pubblicità o anche nelle vendite? Dieci domande e dieci risposte su Clubhouse, su cui abbiamo anche chiesto agli esperti locali le loro valutazioni.

 

1. cos'è la clubhouse?

Clubhouse è un'applicazione audio dove le persone si incontrano per parlare tra loro. Si può entrare solo su invito - ogni utente della Clubhouse può invitare altre due persone. Attualmente, l'app è disponibile solo per il sistema operativo iOS. Se non hai un iPhone, dovrai aspettare che esca la versione per Android.

 

2. chi possiede la piattaforma?

Clubhouse è stato sviluppato da due ex dipendenti di Google, Paul Davison e Rohan Seth, con la loro startup Alpha Exploration. Venture capitalist come Andreessen-Horowitz hanno investito e l'hanno reso grande.

 

3. chi usa la Clubhouse?

Il co-inventore e operatore Paul Davison parla di due milioni di utenti attivi a settimana. Secondo analisi non ufficiali, un totale di sei milioni di utenti si sono già registrati. Nelle sale dei club di lingua tedesca, troverete soprattutto rappresentanti del marketing, dei media, della comunicazione e della tecnologia - e sproporzionatamente spesso politici e celebrità.

 

4. come funziona Clubhouse?

Chiunque può iniziare una stanza del club e invitare altri utenti a partecipare. Chiunque voglia unirsi può segnalarlo alzando virtualmente la mano e sarà quindi "promosso" dal moderatore da ascoltatore a partecipante alla discussione nel campo superiore. C'è solo da parlare, Clubhouse non ha né chat (di testo) né funzione video.

 

5. di cosa parlano su Clubhouse?

Lo spettro va da banali chiacchiere a discussioni tecniche molto specifiche tra esperti. I forti magneti sono giri di discussione con le celebrità. Quando il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg ha parlato in una sala del club all'inizio di febbraio, c'erano più di 5.000 utenti. Celebrità come Elon Musk, Oprah Winfrey, Drake e Paris Hilton parlano anche con i "normali" su Clubhouse.

 

Clubhouse è solo un hype momentaneo o una rivoluzione mediatica? L'applicazione avrà successo tra le masse?

Janosch Tröhler, Head of Community al Blick.ch, dice: "Difficile da valutare. L'applicazione arriva al momento perfetto - nel mezzo della pandemia. Le persone hanno un desiderio di interazione sociale. La voce è molto più personale, più emotiva della parola scritta. La domanda è se questo sarà sufficiente quando la vita si rimetterà in carreggiata. Ma perché l'app raggiunga le masse, ha bisogno del supporto di Android".

Nico Leuenberger, fondatore di Podcast Forge e co-presidente di Podcast Club Svizzera: "Clubhouse è un sacco di hype in questo momento, ma ha il potenziale per rimanere a lungo termine. Quando vedo quanto tempo la gente passa sull'app al giorno, noto un grande bisogno di questo tipo di scambio. È probabile che il concetto prenda piede. Naturalmente, c'è il rischio che Facebook e Twitter rubino la funzione e che Clubhouse subisca il destino di Snapchat".

 

La Clubhouse ha un potenziale per l'uso commerciale e nuovi modelli di business nel marketing o nei media?

Nelle attuali condizioni d'uso la Clubhouse vieta qualsiasi uso commerciale. Ma forse questa restrizione può essere elegantemente aggirata, e forse gli operatori allenteranno anche questo? I nostri esperti vedono un potenziale commerciale in Clubhouse?

Janosch Tröhler è convinto, come dice: "Sicuramente. A quanto pare, sarà introdotta una sorta di micro-pagamento, vale a dire che si dovrà pagare per certi colloqui in futuro. Questo è ovviamente eccitante per gli esperti in molti campi. Per l'industria dei media, Clubhouse ha il potenziale per comunicare con gli utenti in un modo a bassa soglia, per mostrare le persone dietro i prodotti e per creare trasparenza. Allo stesso tempo, si possono organizzare colloqui con poco sforzo. Abbiamo già sperimentato con il Blick e continueremo a farlo. La cosa importante è: Clubhouse non riguarda la portata, ma una relazione più profonda con la comunità. Quello che ci manca ancora è un buon modo di distribuzione secondaria, per esempio come podcast".

Nico Leuenberger dice: "I media usano già ora Clubhouse, per esempio SRF con il #Rundumfunk: le personalità SRF hanno scambiato con il pubblico. L'app è perfetta per questo! Nel marketing per lo scambio diretto con la clientela. Per le personalità influenti, Clubhouse è garantito per offrire opportunità di monetizzazione, prima o poi. E lo strumento è ottimo per il networking, così utile per gli affari".

 

8. quali ostacoli ci sono ancora?

Ci sono grandi preoccupazioni sulla privacy e la sicurezza, compreso il fatto che gli utenti sono costretti a inserire la loro intera rubrica nell'app.

Roger Hämmerli, amministratore delegato della redazione di contenuti digitali "Andy Was Right", è meno euforico sulle possibilità di Clubhouse. "L'app richiede la piena attenzione dell'utente - è qui che il confronto con il podcast cade a pezzi. Se vuoi partecipare attivamente alle discussioni, non puoi farlo di nascosto", dice Hämmerli. "Finora, è soprattutto la bolla del marketing e della comunicazione che è attiva su Clubhouse. Il consumatore normale Otto nei paesi di lingua tedesca non è così estroverso come, per esempio, l'americano, che è molto più disposto a impegnarsi in discussioni libere e spontanee. 

I discorsi senza argomento possono diventare rapidamente stancanti e i top panel sono difficili da organizzare. Certo, è un successo quando Thomas Gottschalk, Sigmar Gabriel e Kai Diekmann parlano dell'inaugurazione di Joe Biden, ma queste sale sono una rarità e presto avrete sentito la centesima sala Q&A.

Il consumo di contenuti in questo modo sta prendendo piede. Non sono così sicuro della Clubhouse come app nella nostra regione".

 

9. Clubhouse è un concorrente dei podcast?

Il professionista del podcast Nico Leuenberger vede Clubhouse più come un supplemento, e spiega: "La più grande differenza è ovviamente il personaggio dal vivo. È molto attraente, ma è anche un po' poco pratico, perché le discussioni emozionanti non possono essere riascoltate. I podcast possono beneficiare di Clubhouse perché Clubhouse stabilisce l'ascolto in modo ancora più forte".

 

10. l'aumento dell'uso dell'audio in generale è un megatrend?

Leuenberger è convinto di questo. "L'audio è in piena espansione da diversi anni. E Clubhouse sta solo dimostrando che questo boom continuerà", spiega. "Soprattutto in questo mondo frenetico e pieno di schermi, c'è qualcosa di molto rilassante nell'essere semplicemente autorizzati ad ascoltare. Concentrarsi su un solo senso crea vicinanza e autenticità. Podcast, Clubhouse, forse presto Twitter con la rinnovata funzione audio una volta testata, continueranno a crescere. E chiunque può partecipare".

clubhouse 1200
(Visitato 22 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento