La percentuale di dipendenti delle PMI che lavorano da casa è in forte aumento

Dall'inizio della crisi di Corona, molti più impiegati delle PMI lavorano da casa rispetto a prima. Tuttavia, solo un terzo di tutte le PMI può avere dipendenti che lavorano da casa. Questo è dimostrato da un sondaggio di Gfs-Zurich.

White_Paper_Digitalisierung-Homeoffice-Cybersicherheit_KMU_2020_12-10

Specialmente nell'industria dell'ospitalità, l'home office è difficilmente un'opzione - l'86% delle imprese dell'ospitalità con uno staff tra 4 e 49 persone non può inviare nessun dipendente all'home office. Ma anche nella produzione e nell'industria manifatturiera, quasi la metà delle PMI ha bisogno di tutti i suoi dipendenti in loco.

Secondo uno studio, tuttavia, il passaggio all'home office è più facile in settori come l'ICT e il marketing o nel settore dei servizi. In questi settori, l'87 e l'83 per cento dei manager intervistati hanno detto che potrebbero far lavorare da casa almeno una parte del loro personale.

 

White_Paper_Digitalisierung-Homeoffice-Cybersicherheit_KMU_2020_12-16

Lo studio, pubblicato martedì, è stato commissionato da Digitalswitzerland, l'organizzazione mantello della Svizzera digitale, dalla Mobiliare, dal Centro nazionale per la sicurezza informatica (NCSC) della Confederazione, dalla Scuola di economia della Scuola universitaria professionale della Svizzera nord-occidentale (FHNW) e dall'Accademia svizzera delle scienze tecniche (SATW).

Secondo i risultati del sondaggio, due terzi delle aziende di tutti i settori sono in grado di inviare l'intera forza lavoro o parti di essa all'home office se necessario.

 

White_Paper_Digitalisierung-Homeoffice-Cybersicherheit_KMU_2020_12-11

Conversione rapida in ufficio domestico

Secondo gli autori dello studio, è anche notevole la rapidità con cui le aziende sono state in grado di passare a lavorare da casa durante il blocco. "Lavorare da casa era possibile per la maggior parte delle aziende senza problemi o con semplici misure", ha detto ai media l'autrice dello studio Karin Mändli Lerch dell'istituto di ricerca JRC di Zurigo. Tuttavia, va da sé che quelle aziende che erano già molto orientate al digitale erano in vantaggio durante il passaggio, ha detto.

Durante il blocco, circa il 40% dei dipendenti delle aziende che possono passare all'home office stavano effettivamente lavorando da casa. Dopo il blocco, questa cifra è scesa di nuovo, ma alla fine del sondaggio all'inizio di ottobre era ancora considerevolmente più alta di prima del blocco. Complessivamente, il 10 per cento di tutti i dipendenti ha lavorato da casa prima del blocco, e il 16 per cento dopo.

Mändli Lerch ha detto che lo sviluppo è particolarmente evidente nelle aziende che sono attive nell'ICT o nel marketing. "Qui, il 16 per cento degli impiegati prima lavorava in un ufficio a domicilio, ora è il 31 per cento - quindi è un raddoppio del numero". Se questo aumento sarà mantenuto a lungo termine, tuttavia, non è ancora chiaro, hanno sottolineato gli autori dello studio. Tuttavia, il 29% delle aziende ha indicato che in futuro permetteranno sempre più ai loro dipendenti di lavorare da casa. (SDA)

White_Paper_Digitalisierung-Homeoffice-Cybersicherheit_KMU_2020_12-12

Gfs-Zurich ha intervistato 503 CEO di aziende con 4-49 dipendenti in tutta la Svizzera sull'impatto della crisi di Corona sulla digitalizzazione e la sicurezza informatica nelle PMI svizzere.

(Visitato 100 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento