Digitec Galaxus e Twint prendono strade diverse (per ora)

La disputa si è aggravata: Twint non sarà più offerto come opzione di pagamento nei negozi online di Digitec e Galaxus con effetto immediato.

breakup-twint

"La mossa è stata fatta per mesi: Twint voleva imporci una tassa di pagamento che era un multiplo del prezzo precedente", scrive Digitec Galaxus in un Messaggio sul blog. "Abbiamo rifiutato l'offerta. In definitiva, avremmo dovuto trasferire i costi aggiuntivi ai nostri clienti - attraverso prezzi generalmente più alti o attraverso una tassa inappropriata per i pagamenti Twint".

Con questo, il leader del mercato svizzero del commercio online dice addio al terzo metodo di pagamento più popolare dopo la carta di credito e la fattura. Digitec Galaxus è stato uno dei primi negozi a offrire questa opzione nel 2015. Nell'articolo, l'azienda critica Twint per essersi evoluto da quello che originariamente doveva essere un'alternativa semplice ed economica a un'opzione di pagamento costosa. "Per esempio, originariamente era previsto che si potesse depositare solo il proprio conto bancario nell'app Twint - ma non le costose carte di credito. E' andata diversamente". La fusione del 2016 con il rivale Paymit e i nuovi comproprietari - PostFinance, UBS, ZKB SIX e il fornitore di servizi di pagamento francese Worldline - ha fatto sì che "inutilmente, ogni banca voleva la propria app Twint". "Tra le altre cose, gli azionisti ora vogliono recuperare questo sforzo extra aumentando i prezzi. Ma cosa possiamo fare noi o i nostri clienti per il fatto che Twint ha bruciato circa mezzo miliardo su un trasferimento bancario semplificato?".

 

"Informazioni non veritiere"

Twint non sta prendendo le accuse alla leggera, e domenica ha rilasciato un Controreplica. Digitec Galaxus sta diffondendo "informazioni non vere", secondo il fornitore di pagamenti. Il fatto è che Twint è uno dei metodi di pagamento con le commissioni di transazione più basse, più economico di molti metodi di pagamento che offre anche Digitec/Galaxus. Inoltre, Twint non addebita alcun "costo nascosto". Le altre affermazioni di Digitec Galaxus sono anch'esse "puro eyewash"". È vero che Twint non era più disposta a garantire condizioni speciali a Digitec Galaxus, come era d'uso al momento del lancio di Twint. Tutti gli altri 7000 commercianti circa in Svizzera pagano commissioni di transazione eque, che sono anche favorevoli rispetto alle carte di credito e ad altri fornitori di pagamento".

 

Nessuna condizione speciale per il leader del mercato

"Il fatto che Digitec/Galaxus, tra tutti i posti, non voglia venire ad un accordo con Twint, il più grande metodo di pagamento mobile della Svizzera, ma apparentemente accetta le tasse per tutti gli altri metodi di pagamento, è qualcosa che consideriamo ingiusto", dice il CEO Markus Kilb, che spera che i molti clienti soddisfatti di Twint potranno presto pagare di nuovo con Twint presso Digitec Galaxus. "Rimaniamo aperti a parlare con Digitec/Galaxus di una giusta remunerazione per i nostri servizi", dice Kilb. Tuttavia, non vuole rinunciare al pagamento richiesto per il servizio: "Sarebbe ingiusto per tutti i rivenditori se dovessimo concedere condizioni completamente diverse a un partecipante al mercato". 

(Visitato 41 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento