Spotify accusa Apple di concorrenza sleale

I fornitori di streaming come Spotify e Netflix hanno criticato per un po' di tempo il fatto di dover cedere parte delle entrate ad Apple quando si abbonano su iPhone. Ora il leader del mercato Spotify ne ha avuto abbastanza e sta presentando una denuncia alla Commissione europea.

spotify-apple

Apple ha introdotto regole nel suo App Store che limitano la scelta dei consumatori e rallentano l'innovazione, ha detto mercoledì il capo di Spotify Daniel Ek.

Nell'App Store di Apple - e anche su altre piattaforme di download come il Play Store di Google per i dispositivi Android - è comune per i fornitori di app ottenere il 70 per cento delle entrate, mentre il 30 per cento rimane all'operatore. Questo vale anche per gli acquisti all'interno delle app. Per le entrate da abbonamento, Apple abbassa il prelievo al 15 per cento a partire dal secondo anno.

Apple rende la vita difficile

I fornitori di musica in streaming hanno da tempo espresso insoddisfazione per il fatto che devono consegnare parte delle entrate degli abbonamenti ad Apple, mentre la società ottiene l'intero importo sul suo servizio concorrente. "Se pagassimo questa tassa, ci costringerebbe a rendere artificialmente il nostro abbonamento premium significativamente più costoso di Apple Music", ha criticato Ek.

Per un po', Spotify ha offerto abbonamenti più costosi nell'app per iPhone che sul web. Nel frattempo, non è più possibile sottoscrivere un abbonamento premium sull'iPhone. Il servizio di streaming video Netflix ha anche smesso di offrire ai nuovi clienti la possibilità di acquistare un abbonamento direttamente nell'app dalla fine dello scorso anno.

Apple rende la vita più difficile a Spotify perché il servizio musicale non usa il sistema di pagamento dell'azienda iPhone, ha scritto Ek. Per esempio, Apple ha regolarmente bloccato gli aggiornamenti delle app e tenuto Spotify lontano dai prodotti dell'azienda come il software di assistenza Siri, l'altoparlante collegato HomePod e l'orologio per computer Apple Watch. Ha anche limitato la capacità di comunicare con gli utenti.

"Non vogliamo alcun trattamento speciale", ha scritto Ek, sottolineando che, per esempio, anche il fornitore di servizi di trasporto Uber o il servizio di consegna di cibo Deliveroo non devono pagare alcuna tassa per le singole transazioni nelle loro rispettive app.

96 milioni di clienti paganti

Spotify ha chiuso lo scorso trimestre con 96 milioni di clienti paganti in abbonamento, 9 milioni in più rispetto a tre mesi prima. Insieme alla versione gratuita, Spotify aveva 207 milioni di utenti. Apple Music, il numero due del mercato, ha più di 50 milioni di utenti paganti secondo le ultime cifre - l'azienda di iPhone non ha una versione gratuita. (SDA)

(Visitato 34 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento