Tutte le cose buone arrivano in tre

È di nuovo il momento: l'elezione del "pubblicitario dell'anno" si avvicina. Per la 41esima volta, Werbewoche assegnerà il trofeo "Egon" il 12 aprile. Resta da vedere chi succederà a Dennis Lück. E sarà deciso da voi, tra gli altri.

editorialwdj

La selezione dei candidati è stata fatta. È stato deciso dalla giuria "Advertiser of the Year" il 13 febbraio. Dato che il gruppo di giurati fisicamente presenti era più compatto rispetto all'anno scorso a causa delle assenze per le vacanze sulla neve e altre scuse, abbiamo effettivamente supposto che un consenso sarebbe stato raggiunto rapidamente.

Non lo erano. Invece, si è sviluppata una discussione estremamente impegnata e sempre obiettiva. Tra i partecipanti c'erano gli ultimi due detentori del titolo, Dennis Lück e Thomas Wildberger. Per due ore e mezza, hanno discusso, dibattuto e ridotto il numero dei circa 30 candidati proposti dai membri della giuria.

L'innovazione avviata dall'ex caporedattrice di Werbewoche Anne-Friederike Heinrich nel 2015 di avere una giuria che propone i candidati ha sicuramente dimostrato il suo valore.

La giuria di 14 membri avrà quindi un peso ancora maggiore quest'anno: Contemporaneamente al voto pubblico online tra gli abbonati alla Werbewoche (newsletter), ogni membro della giuria deciderà anche su un candidato. I verdetti della giuria e dei lettori avranno lo stesso peso nella decisione finale. Dopo l'elezione, Werbewoche pubblicherà la percentuale di voti ricevuti dal vincitore.

Siamo già impazienti di e per il vincitore.

Siamo lieti di presentare tre candidati che coprono diverse aree della versatile e stratificata industria pubblicitaria. Pascal Deville e Daniel Zuberbühler hanno co-fondato agenzie nel recente passato e stanno scuotendo il mercato con loro - e le sue carte di nuovo.

Saluti amichevoli con Pascal Deville è rapidamente cresciuto da un celebrato nuovo arrivato a un giocatore affermato con aspirazioni. Allo stesso tempo, però, non ha mai abbandonato la sua interpretazione fresca e sfacciata della creatività. Insieme ai suoi partner, Deville è uno degli attori che attualmente influenzano, sfidano e co-determinano l'industria pubblicitaria svizzera - una buona e dovuta ragione per nominarlo "Advertiser of the Year".

Sir Mary con Daniel Zuberbühler rappresenta una generazione di giovani agenzie che fanno tutto diversamente in un mondo digitale sempre più complesso. Pensare tutto in modo diverso. E con successo: Sir Mary ha conquistato numerosi clienti rinomati in pochissimo tempo in un ambiente di mercato difficile. Non solo, ma anche grazie a Zuberbühler, che come consulente rappresenta una parte elementare del mondo delle agenzie che altrimenti è piuttosto sottorappresentata nella corsa per il "Advertiser of the Year".

Ultimo ma non meno importante, Livio Dainese è una quasi "vecchia conoscenza" nella corsa all'Egon di quest'anno. Per la terza volta di seguito. Tuttavia, la giuria non lo ha messo in piedi per routine. Ma perché Wirz ha brillato più creativamente negli ultimi anni che in molto tempo. Con Dainese in testa. E così uno dei classici, grandi nomi del panorama agenziale svizzero è in corsa per avere presto il "pubblicitario dell'anno" tra le proprie fila.

Non importa chi vince: Siamo già impazienti di e per il vincitore. Tutti e tre rappresenterebbero la loro industria a modo loro per un anno.

Thomas Häusermann, caporedattore a.i. Werbewoche

Clicca qui per andare alle elezioni online

(Visitato 36 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento